ULTIM'ORA

Morte Tony Drago, otto militari nel registro degli indagati: il 15 ottobre la riesumazione del corpo


Tony Drago Siracusa TimesNews Siracusa: otto indagati per Tony Drago,il venticinquenne caporale dell’esercito dello squadrone di rappresentanza del reggimento Lancieri di Montebello a Roma, trovato morto il 6 luglio 2014, alle ore 6:30 del mattino, nel piazzale della caserma (leggi qui).

L’accusa contestata riguarda i reati di Concorso colposo in istigazione al suicidio o in omicidio volontario. Si parlò subito di suicidio per Drago. Un suicidio, però, che non ha mai convinto ne la madre del giovane caporale dell’esercito ne i moltissimi amici che in questi anni hanno lottato senza sosta per ottenere la verità su quanto accaduto all’interno di quella caserma.

Del caso si è spesso occupata anche la trasmissione “Chi l’ha Visto?” di Rai 3 (leggi qui).

Il 2 agosto scorso, infatti, il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Roma, Angela Gerardi, ha disposto, su richiesta del sostituto procuratore di Roma, Alberto Galanti, di procedere con l’incidente probatorio a perizia medico legale e tecnica, al fine di accertare i mezzi, le cause e le modalità che hanno portato alla morte del siracusano, il 6 luglio 2014 nella caserma Sabatini di Roma. Lo scorso 14 settembre alle ore 13, si è svolta l’udienza per conferire l’incarico al medico legale Paolo Procaccianti, e al fisico Federico Boffi. Come periti di parte sono stati nominati Orazio Cascio, medico legale, e gli ingegneri Grazia La Cava e Oliver Giudice. Mentre, il prossimo 15 ottobre, il corpo del giovane caporale sarà riesumato. All’interno della caserma si ritroveranno tutte le parti in causa, per effettuare le prove che faranno seguito all’esperimento condotto lo scorso aprile dai periti nominati dalla famiglia Drago alla piscina di Nesima.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: