ULTIM'ORA

Sicilia, ritardi nei pagamenti ai forestali. Fai, Flai e Uila chiedono un incontro con Crocetta


News Sicilia: “denunciamo la intollerabile, totale, insensibilità della Regione di fronte alla sofferenza di circa 10 mila lavoratori precari forestali che dopo 5 mesi non percepiscono lo stipendio di dicembre e che, nella maggior parte dei casi, da allora sono disoccupati.  Chiediamo, quindi, un incontro urgentissimo con il presidente Rosario Crocetta affinché si adottino misure straordinarie perché le paghe dei lavoratori vengano subito erogate, anche al fine di evitare gravissimi problemi di ordine pubblico che a nostro avviso sarebbero imminenti e difficilmente governabili”.

A parlare sono Calogero Cipriano, Alfio Mannino e Nino Marino, segretari generali di Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil Sicilia che “preannunciano in assenza di immediate soluzioni forti azioni di protesta in tutto il territorio regionale, non escludendo altresì di adire le vie legali a tutela dei  lavoratori qualora si riscontrassero violazioni o gravi omissioni di leggi e contratti”.

La lettera, oltre che al presidente della Regione e ai nove prefetti siciliani, è stata inviata agli assessori Antonello Cracolici e Alessandro Baccei, al presidente della Commissione Bilancio Vincenzo Vinciullo, al direttore generale dell’Assessorato all’Economia e a quello del Dipartimento Sviluppo rurale.

“Ad oggi – spiegano i tre segretari – circa 10 mila lavoratori forestali non hanno ricevuto le retribuzioni di dicembre e in parte anche di novembre 2016. Queste somme, soggette al riaccertamento di bilancio, sono disponibili già da un mese. Nonostante le svariate pressioni, sollecitazioni e autoconvocazioni di Fai Cisl-Flai Cgil-Uila Uil in tutti gli uffici provinciali del Dipartimento Sviluppo Rurale e Territoriale, nonché dell’Assessorato al Bilancio, si sono accumulati notevoli ed inspiegabili ritardi. In febbraio, peraltro, abbiamo ricevuto dai funzionari regionali continue rassicurazioni sull’espletamento degli adempimenti burocratici propedeutici al pagamento delle spettanze e sul pagamento di ogni arretrato entro e non oltre la fine di aprile”.

“Soltanto il 27 aprile – aggiungono Cipriano, Mannino e Marinoè stato rimpinguato il plafond di cassa e solo venerdì 28 sono stati trasmessi gli ordinativi di accreditamento dal Dipartimento alla Ragioneria presso l’Assessorato Agricoltura. Tutti gli adempimenti necessari per lo sblocco delle somme, quindi, sono stati espletati con notevoli ed ingiustificabili ritardi da parte degli uffici competenti e dei rispettivi funzionari preposti. Il direttore generale dell’Assessorato all’Economia, intanto, segnala che domani 30 aprile sarà bloccato l’accesso al Sistema informativo per la gestione dei titoli di spesa-Sic rendendo di fatto impossibile ogni pagamento fino alla pubblicazione del nuovo bilancio regionale. E questa è un’operazione che richiederà oltre un mese”.

Sicilia, ritardi nei pagamenti ai forestali. Fai, Flai e Uila chiedono un incontro con Crocetta

© Riproduzione riservata
Share


Articoli correlati:

[phone]
[/phone]