ULTIM'ORA

Siracusa. Pace fatta tra Garozzo e il PD? Zappulla: “prendere definitivamente le distanze dal Sindaco”


News Siracusa: “la Direzione Cittadina del Partito Democratico non poteva assumere altra decisione se non quella di aprire una fase di riflessione e di valutazione. Sarebbe stato davvero singolare il contrario alla luce di una dichiarazione di sostanziale resa, vera o tattica lo si capirà,  del Sindaco Garozzo”. A commentare è il Deputato Nazionale PD Pippo Zappulla.

“Ciò detto non considero piu’ credibile Garozzo e ritengo che la scelta piu’ giusta che, alla fine di queste poche settimane, il Pd dovrà assumere è quella di prendere definitivamente le distanze dall’attuale Sindaco e lavorare da subito per ricostruire il centrosinistra siracusano e un progetto reale e concreto di cambiamento necessario e possibile di Siracusa”.

Prosegue: “ho la sensazione che gran parte della città non ritiene piu’ credibile  Garozzo perché dal 12 settembre sono successe tante altre cose che hanno aggravato la posizione politica del Sindaco e hanno acuito il distacco e le lacerazioni non solo nei confronti del Pd ma dell’intera città. Quello di cui  invito a riflettere il mio partito è che non è sufficiente trovare gli equilibri giusti all’interno del pd , bisogna interrogarsi se il processo di delegittimazione di  Garozzo lo rende ancora spendibile o rischia di trascinare l’intero partito e il centrosinistra nel baratro di una sconfitta ancora prima che elettorale, programmatica, politica ed etica.  Vanno bene e sono utili le verifiche interne ma  il vero “accordo” lo dobbiamo fare con la città. Non credo questo il momento degli inciuci, delle intese carsiche a tavolino: questa è la fase della responsabilità e del coraggio”.

“Ricordo, infatti, ai tanti smemorati piu’ o meno inconsapevoli che dopo il 12 settembre Garozzo ha trascinato l’intero partito nelle commissioni regionali e nazionali antimafia con dichiarazioni infamanti per le persone e per l’intera comunità del Pd; che lo stesso si è reso protagonista di attacchi sconsiderati nei confronti della Magistratura; che di fronte all’avviso di conclusione delle indagini per turbativa d’asta sulla gestione del servizio idrico ha gridato al complotto; che Siracusa è stata inserita in tutte le graduatorie nazionali agli ultimi posti praticamente su tutto – dal verde pubblico ai trasporti, dalle politiche sociali e sportive alla qualità della vita, etc -; che sono state aperte le indagini su firmopoli che rischiano di mettere in discussione e comunque delegittimare le precedenti elezioni amministrative; che ha continuato ad operare in pieno e totale disprezzo del partito e dei suoi organismi. Nello stesso intervento fatto nella ultima Direzione Cittadina non ha ritenuto di sviluppare un minimo di autocritica affermando invece che tutto è andato e va bene, che la sua amministrazione viaggia a gonfie vele facendo porre a piu’ d’uno la legittima domanda del perché allora propone “l’azzeramento politico” della sua giunta. Per queste ragioni invito il mio partito a riflettere bene sulle scelte da assumere”.

Conclude il Deputato nazionale: “e per evitare di passare per il solito “cattivo” a dispetto dei tanti “buoni” in circolazione  mi riservo un giudizio finale dopo avere concretamente verificato la fondatezza delle dichiarazioni di Garozzo e capire se e quando l’azzeramento politico e senza condizioni  diventerà concreto e con esso la definizione di un programma pur limitato nel tempo di assoluta discontinuità”.

© Riproduzione riservata
Share


Articoli correlati: