ULTIM'ORA

Siracusa, volley: l’Holimpia vince in rimonta e si conferma prima della classe. Paternò ko 3-1


Capitan Franzò al servizio

Capitan Franzò al servizio

News Siracusa: tre punti per tenere dietro la Gupe Volley Etneo e consolidare il primo posto del girone C. L’Holimpia non sbaglia. Nel match del Palakradina, valido per la 17ª giornata, le ragazze di mister Sciacca superano 3 set a 1 il Paternò Volley, formazione ancora in lizza per un posto nei play-off.

Si parte dal solito starting-six: Spena in regia, Capitan Franzò opposto, Lena e Licata laterali, De Luca e Musumeci centrali e Ruta libero.

L’Holimpia parte subito forte aggiudicandosi i primi scambi del match ed è gia break: un +4 sulle avversarie che si protrae sino a metà set. Il Paternò però non ci sta e, sfruttando un piccolo calo di tensione delle padroni di casa, rientra in partita. Mister Sciacca prende le contromisure e mette in campo Mica ma è troppo tardi. Le ospiti, galvanizzate dal momento favorevole, vincono il primo set 23-25 ai danni di un’Holimpia sprecona.

Il secondo set è decisamente più equilibrato, almeno nella prima metà della frazione di gioco. Il clima si fa teso, complici alcune decisioni dubbie del duetto arbitrale Lombardo-Montalbano e una caduta a muro, con lieve infortunio alla caviglia, mette out Musumeci. Al suo posto, subentra Perticone che, insieme all’estro della regista Spena ed alla carica di Capitan Franzò, trascina la squadra di casa a pareggiare i conti. 25-19 ed è 1-1 nel conteggio dei set.

Si apre il terzo set ed è tutt’altra musica. L’Holimpia sale in cattedra e fulmina le avversarie. A suonare la carica è ancora Spena che tira fuori un altro asso dalla manica: un servizio insidioso che manda in black-out la difesa paternese. L’Holimpia chiude il set 25-10.

In apertura di quarto set, il Paternò è ancora frastornato ma continua a lottare. Prova la carta “servizio”, persino tentando di ostruire la visibilità alle ricettrici biancoazzurre ma Ruta si fa trovare pronta, dirige il reparto e neutralizza ogni attacco. Franzó e compagne spingono allora sull’acceleratore e chiudono set e match sul 25-17.

“Una partita dalle due facce” commenta il tecnico Sciacca a fine gara. “Una partita durata solo per metà nel primo parziale, avevo chiesto alla squadra di partire subito sull’acceleratore e così è stato; dopodiché ad un tratto abbiamo cominciato a sbagliare e il Paternò non aveva fatto nulla per recuperare un passivo importante, ci siamo ritrovati sotto e addirittura a perdere il set. Da qui – continua l’allenatore – mi sono molto arrabbiato perché non avevamo subito chissà quali colpi della squadra avversaria, anzi, ci siamo forse adagiati troppo e quindi regalato il set. Successivamente le ragazze hanno reagito, ci hanno messo il cuore e la partita è rientrata nei binari che onestamente dividono il tasso tecnico dell’Holimpia dal Paternó e il secondo, il terzo e il quarto set ne sono stati la dimostrazione.

Sulla stessa lunghezza d’onda, l’assistant coach Pierpaolo Morgana che dichiara: “A parte il primo set dove abbiamo dominato per poi averlo perso così, la partita è stata un crescendo”.

“Abbiamo fatto troppi errori nel primo set che ci sono costati il vantaggio che avevamo accumulato specie nei momenti decisivi – dichiara il capitano dell’Holimpia Franzò però poi con molto orgoglio e grinta abbiamo risollevato la testa e abbiamo portato a casa i set successivi. È stata una partita abbastanza nervosa, con le avversarie che non hanno mai mollato, ma noi siamo state brave a riprendere in mano le redini della partita e a condurla a nostro favore. Il percorso fino ad oggi è stato certamente positivo – conclude il Capitano dell’Holimpia – da ora in poi ogni partita sarà una finale, non possiamo permetterci di sbagliare e ne siamo consapevoli, soprattutto perché abbiamo ancora tanta voglia di fare bene”.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: