ULTIM'ORA

Siracusa, Vinciullo: “Sul nuovo ospedale di Siracusa, ancora parole. Vogliamo i fatti”


sanità Siracusa TimesNews Siracusa: l’onorevole Vincenzo Vinciullo dichiara: “Apprendiamo con piacere che ieri, ancor una volta, per l’ennesima volta, i vertici dell’ASP di Siracusa si sono incontrati col sindaco di Siracusa per ragionare, discutere, individuare soluzioni.

Ad una cosa concreta sono sicuramente arrivati: hanno finalmente capito che c’è un progetto preliminare depositato, ma è preoccupante che per capire che già c’è un progetto depositato sono stati necessari quattro anni.

Per il resto, da un comunicato stampa fumoso, inconcludente e alquanto nebuloso, non si riesce a capire cosa avrebbero deciso di fare.

Nemmeno Mina, nella famosa canzone “parole parole parole”, era riuscita ad immaginare ciò che invece l’Amministrazione Comunale di Siracusa riesce a scrivere e cioè che sarebbe stata istituita una commissione tecnica amministrativa per derimere tutte le questioni insorte. Ma quali sono le questioni insorte? La questione è una sola: qual è l’area che l’Amministrazione Comunale, cioè la politica e non i tecnici, deve destinare all’ospedale?

L’Amministrazione Comunale deve dirci, ma aspettiamo questa risposta da due anni, se va bene l’area a suo tempo prevista nel piano regolatore, se intendono utilizzare l’area di proprietà dell’ASP all’interno dell’ONP o se invece, e ci devono spiegare soprattutto perché, vogliono individuare una nuova area dove realizzare l’ospedale.

L’Amministrazione Comunale, inoltre, deve ricordarsi che i finanziamenti potrebbero arrivare da un momento all’altro e nel caso in cui non abbiamo pronto il progetto, e qui manca perfino l’area, le risorse verranno dirottate verso altre province, salutando per sempre la possibilità di realizzare il nuovo ospedale.

Su questa vicenda non vorrei cominciare a pensare che le ultime esternazioni del presidente Crocetta siano motivate, cosa che mi stupirebbe, dal momento che in genere le sue accuse quasi sempre sono prive di fondamento”.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: