ULTIM'ORA

Siracusa: Vinciullo: “bretella di collegamento fra il lido di Noto, Pachino e Portopalo. Ritardi insopportabili e assurdi”


Vinciullo

On. Prof. Vincenzo Vinciullo, Deputato Regionale NCD

News Siracusa: il deputato regionale del Nuovo Centro Destra, Vincenzo Vinciullo interviene in merito alla bretella di collegamento fra il lido di Noto, Pachino e  Portopalo lamentando ritardi e chiedendo chiarezza su questa problematica.

“Con una lentezza assurda e insopportabile, continuano a rallentatore i lavori per la realizzazione della bretella di collegamento fra il lido di Noto e i comuni di Pachino e Portopalo. – dichiara l’On. Vinciullo – Dal 2003, prima come consulente a titolo gratuito dei comuni di Portopalo e Pachino, poi da Deputato, ho seguito senza aiuto di alcuno  tutte le fasi per la realizzazione dell’opera, subendo gli attacchi dell’amico Iachino La Corte, che non ha mai accettato che a posto dello svincolo, che era una sua idea, venisse realizzata la mia idea di bretella di collegamento.

Tuttavia – prosegue il Deputato regionale nonostante le risorse siano ampiamente a disposizione, nonostante i tempi ormai ampiamente scaduti, nulla si fa per accelerare questi lavori e per consentire agli stessi la conclusione in tempi non europei, cioè naturali.

Con l’ennesima interrogazione parlamentare ho chiesto al Presidente della Regione di nominare una Commissione d’indagine oppure un Commissario ad acta, in maniera tale che, con la dovuta attenzione e con la dovuta celerità, si possa prendere in considerazione l’ipotesi che la gente è stufa di aspettare, che su questa strada continuano gli incidente e che migliaia di lavoratori della provincia di Siracusa continuano a rimanere disoccupati nonostante il lavoro ci sia ma va a rilento in modo insopportabile.

Come provincia, conclide  l’On. Vinciullo, siamo stufi di essere trattati come colonia e di essere considerati terra di conquista da parte di chi, senza rispetto alcuno, pensa di poter perdere tempo, tanto la provincia di Siracusa può continuare ad aspettare”.

© Riproduzione riservata
Share


Articoli correlati: