ULTIM'ORA

Siracusa, Vinciullo: “allarme Blue Tongue in provincia. Intervenga immediatamente l’Assessorato della Salute”


vinciullo siracusa times

Vincenzo Vinicullo

News Siracusa:  allarme nella provincia aretusea, per lo scoppio di due focolai della Blue Tongue, una febbre cattarale dei bovini, mentre su un terzo è stato aperto il fascicolo per sospetto clinico da confermare attraverso le analisi di laboratorio. Lo comunica l’On. Vincenzo Vinciullo, Presidente f.f. della Commissione ‘Bilancio e Programmazione’ all’ARS.

I luoghi dove sarebbero stati individuati questi focolai sono fra Melilli, Priolo ed Augusta.

Il problema – ha continuato l’On. Vinciullo – è gravissimo e l’Assessorato non può non intervenire immediatamente per istituire la zona di protezione nei confronti della Blue Tongue, ovvero della febbre catarrale degli ovini, in modo da attuare tutte le misure di controllo ed eradicazione per contenere l’eventuale diffusione del virus in provincia di Siracusa.

Già l’Assessorato della Salute, con Decreto 28 settembre 2015, è intervenuto per istituire una zona di protezione presso alcuni comuni della provincia di Messina.
Senza volere addossare ad alcuno la responsabilità, è chiaro che è a rischio la zootecnia della provincia di Siracusa, come di tutte le altre province della Sicilia, nel caso in cui questa epidemia si dovesse diffondere, come purtroppo accade, con celerità.

In fase di approvazione della finanziaria – ha proseguito l’On. Vinciullo – avevo fatto inserire un emendamento, poi approvato dall’Assemblea, che rafforzava il servizio veterinario, ma, per inspiegabili comportamenti e atteggiamenti ostruzionistici da parte dell’Assessorato, la norma non ha trovato ancora applicazione.

Questa triste vicenda dimostra quanto fosse necessario quel provvedimento da me voluto e quanto fosse stato opportuno applicarlo in questi mesi anziché frapporre ostacoli alla sua attuazione.
Ora – ha concluso l’On. Vinciullo – l’Assessore intervenga immediatamente sia per individuare e cinturare la zona in provincia di Siracusa ma soprattutto per attuare il mio emendamento, che aveva proprio l’obiettivo di prevenire anziché, come adesso, reprimere ed abbattere i capi di bestiame.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: