ULTIM'ORA

Siracusa. Vertenza Versalis, fronte comune tra sindacati e politica per salvare il futuro della zona industriale


petrolchimicoNews Siracusa: vertenza Versalis. Fronte comune dei parlamentari nazionali siracusani e regionali dei sindaci di Siracusa, Priolo, Melilli ed Augusta e dei segretari provinciali di Cgil, Cisl e Uil per chiedere al Governo di intervenire e impedire la dismissione delle quote azionarie di Versalis da parte dell’Eni ad un fondo di investimento statunitense (leggi qui). Prima della grande manifestazione nazionale a Roma del prossimo 19 febbraio, un appuntamento, quello di oggi, alla sala mensa del petrolchimico. Un’assemblea partita dalle ore 8.30 per salvaguardare il futuro dell’impianto della zona industriale e i suoi mille lavoratori, tra diretto e indotto, a rischio occupazione.

L’incontro odierno, già programmato, segue i diversi momenti di protesta, che si sono susseguiti nelle scorse settimane. L’ultimo  lo scorso vernerdì, quando i lavoratori, si sono recati in zona di Targia per manifestare e distribuire volantini. Una giornata di protesta che ha anche avuto pesanti ripercussionia alla viabilità dle traffico, all’ingresso nord di Siracusa e nella frazione di Belvedere (leggi qui).

Il grande impegno sindacale siracusano, che sta trascinando la protesta dei lavoratori Versalis deve essere, adesso, sostenuto da rappresentanti politici ed istituzionali contro la decisione, del gruppo industriale Eni, di vendere la chimica italiana, e che provocherebbe un danno permanente l’assetto industriale del territorio.

 

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: