ULTIM'ORA

Siracusa. Uno spazio di ascolto, confronto e supporto psicologico per la community LGBT: arriva “OpenSpace”, l’iniziativa di Stonewall


stonewall open space siracusa timesNews Siracusa: creare uno spazio protetto di ascolto, confronto e supporto psicologico per persone omosessuali, bisessuali, trans e per i loro genitori. E’ questa l’idea di “OpenSpace”, l’iniziativa proposta da Stonewall GLBT per trasmettere e favorire lo sviluppo del senso di sicurezza e benessere psicologico a chiunque necessiti di un ambiente dove sentirsi tutelato.

“C’è differenza tra identità e orientamento sessuale? Cosa rispondere al proprio figlio o figlia che vi dichiara la propria omosessualità? Come affrontare la scoperta del proprio orientamento sessuale differente, rispetto al proprio progetto di vita che per svariati motivi vi ha portato al matrimonio e alla paternità o maternità? Come affrontare la vita in un corpo che non sentite il vostro perché esprime un’identità differente da quello che siete?”

Sono solo alcune delle domande a cui “OpenSpace” proverà a rispondere nei suoi incontri gratuiti di cadenza mensile che verranno moderati dalle dottoresse Laura Uccello, psicologa e psicoterapeuta e Sofia Milazzo, psicologa.

Il gruppo offre uno spazio di confronto con altre persone che hanno vissuto o stanno ancora vivendo problemi legati all’orientamento sessuale ed all’identità di genere quali: sentimenti di estraneità, esclusione e non conformità; omofobia, anche interiorizzata; coming out (come? con chi? quando? perché?) come conquista della libera espressione della propria identità, del proprio orientamento sessuale e delle propria affettività; omogenitorialità.

“Anche quest’anno riproponiamo un’importante iniziativa mirata alla promozione del benessere psicofisico delle persone GLBT, – commenta la presidente di Stonewall Tiziana Biondi – . In questa società che  “corre” e va troppo veloce, dimostrandosi spesso sorda e cieca rispetto ai problemi e ai disagi della gente, diventa fondamentale ritagliarsi un momento ed uno spazio “protetto”, interamente dedicato all’ascolto e alla condivisione. Una preziosa opportunità, – conclude Biondi – in grado di sviscerare il vissuto ed il sentire, spesso drammatici e travagliati, delle persone glbt e dei propri familiari”.

Il primo incontro si terrà venerdì 29 gennaio 2016 alle ore 20.30 presso la sala Arci di piazza S.Lucia, 20. Per motivi organizzativi la prenotazione è obbligatoriaPer info e prenotazioni: chiamare il 3298721212 o scrivere a stonewallglbt@gmail.com.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: