ULTIM'ORA

Siracusa, flash mob per ricordare Paolo Borsellino e i 5 agenti di scorta uccisi dalla mafia 24 anni fa


flash mob -siracusatimesNews Siracusa: un flash mob in piazza XXV Luglio, per ricordare, 24 anni dopo quel 19 luglio del 1992, di cosa è stata capace la mafia. Era una domenica pomeriggio e fra le strade deserte di Palermo un’autobomba esplose uccidendo il giudice Paolo Borsellino, e i cinque agenti di scorta Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Un attentato che giunse poco meno di due mesi dopo l’altro grande agguato costato la vita al giudice Giovanni Falcone, alla moglie Francesca Morvillo e ai tre agenti di scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro.

“Abbiamo voluto realizzare in piazza XXV Luglio un flash mob per non dimenticare i martiri di mafia, insieme ad appartenenti ad altre associazioni, un momento commemorativo e divulgativo che ha visto la partecipazione di cittadini residenti e turisti” – spiega Salvatore Russo, coordinatore CAS Comitato Attivisti Siracusani.  Piccoli e grandi, famiglie e giovani incuriositi dalle candele poggiate per terra, raggruppate per formare il numero 24, come il numero degli anni trascorsi da quella terribile domenica. Una strage ancora senza colpevoli, che ancora riecheggia nella memoria di chi ha vissuto quei momenti che si riducono ad un istante, quell’istante che oggi e per sempre non deve essere dimenticato.

 

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: