ULTIM'ORA

Siracusa: ad un anno dalla scomparsa dell’ultras Francesco Ficili


Francesco FiciliNotizie a Siracusa: è trascorso un anno da quando il sorriso di Francesco si è spento. Un anno da quando Francesco ha lasciato, fisicamente, la “sua” Curva.

Un anno da quando Francesco Ficili, ultras aretuseo, ha smesso di lottare. Da sempre innamorato della maglia azzurra, Francesco, incarnava i valori del vero ultras. Un uomo che ogni domenica incitava la Curva a cantare per la squadra aretusea.

Un South Landers, “guerriero del sud”, Ficili. Una persona che, nonostante sia stata colpita da un brutto male, ha lottato per restare aggrappato alla vita per tornate a “macinare” quei chilometri domenicali che tanto lo facevano sentire vivo. Un uomo che ha lottato per lui, per i suoi “fratelli” ultras e per la sua famiglia.

Ciccio non è più in Curva. Ciccio non sventola più quel bandierone bianco e azzurro dei SL ’87.

In realtà, però, il ricordo di Francesco Ficili (originario di Scicli)è rimasto e resterà per sempre dentro lo stadio “Nicola De Simone”. Vive e vivrà sempre dentro la sua Curva Anna.

Perché Francesco, ogni domenica, viene degnamente ricordato da tutti i suoi “fratelli” che cantano anche per lui.

Anche il cielo, oggi, non smette di “piangere”. Per il primo anniversario della sua scomparsa, Francesco Ficili, verrà ricordato con una messa, alle ore 19, presso la chiesa del Sacro Cuore a Siracusa.

Per tutti noi, Ciccio, “guerriero del sud” continua a portare avanti i suoi valori e non finirà mai, ovunque sia, di sventolare quel bandierone.

Domenica giorno 1 marzo in occasione della gara interna del Città di Siracusa la Curva Anna realizzerà una coreografia in memoria di Francesco.

Impossibile mancare… tutti al “De Simone” per Ciccio!

© Riproduzione riservata
Share


Articoli correlati: