ULTIM'ORA

Siracusa, turisti derubati in Ortigia con il diversivo dei pappagallini: arrestate


pappagallini furti - siracudatimesNews Siracusa: ali tagliate ai pappagalli per elemosinare, false addestratrici a caccia di turisti allo scopo di derubarli. I Carabinieri di Ortigia nella giornata di ieri hanno arrestato due donne di Noto Spicuzza Carmela classe 1995 e Spicuzza Lucia classe 1989, per il reato di furto con destrezza. I militari impegnati in un servizio per la prevenzione dei reati contro il patrimonio e il maltrattamento di animali hanno proceduto al controllo, unitamente a personale della Polizia Municipale e ad un veterinario dell’ASP di Siracusa, di 4 soggetti appartenenti che in questi giorni si aggiravano per i vicoli di Ortigia con delle gabbiette contenenti piccoli pappagallini ai quali erano state tagliate le ali per impedir loro di volare.

I quattro sono stati accompagnati in caserma e denunciati per maltrattamenti di animali, ma proprio in caserma giungevano anche due turiste straniere alle quali poco prima erano stati rubati degli effetti personali mentre si trovavano sedute ad un tavolino di un bar del centro storico. Le due turiste riferivano di essere state avvicinate poco prima da due donne che, con il pretesto di far vedere loro dei pappagallini che avevano con sé, tentavano in maniera insistente di chiedere del denaro, fino a quando non sono state allontanate. Solo poco dopo le due turiste si accorgevano che, approfittando del diversivo dei pappagallini, le due donne avevano sottratto dalle loro borse alcuni effetti personali. Le due turiste si sono così messe immediatamente alla ricerca delle due donne, ma non riuscendo nell’intento si sono recate presso la caserma dei Carabinieri di Ortigia per sporgere denuncia riconoscendo proprio lì le due questuanti che erano già state fermate dai militari.

Le donne sono state così tratte in arresto per il reato di furto con destrezza e sottoposte agli arresti domiciliari presso le loro abitazioni. Sono stati inoltre sequestrati 9 pappagallini e messi al sicuro in un centro di assistenza per gli animali dove degli esperti si prenderanno cura di loro.

 

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: