ULTIM'ORA

Siracusa: svolta una riunione tra i rappresentanti di “Io amo Fontane Bianche” e i consiglieri comunali


io amo fontane bianche riunione

News Siracusa: si sono riuniti i rappresentanti di “io amo Fontane Bianche” e i consiglieri comunali aretusei per discutere sul rilancio di Fontane Bianche.  “Continueremo a chiedere all’amministrazione comunale che i nostri diritti di cittadini residenti a Fontane Bianche siano garantiti concretamente” – così si esprime il presidente di “Io amo Fontane Bianche” Raffaele Cacici al termine dell’incontro con gli amministratori pubblici, cui ha preso parte anche il presidente del consiglio di quartiere Cassibile – Fontane Bianche Paolo Romano”.

Cacici ha ribadito inoltre che: “dopo Ortigia, Fontane Bianche è il luogo della nostra Siracusa dove i turisti soggiornano più a lungo. Deve cambiare il metodo di ricerca per lo sviluppo e rilancio di Fontane Bianche senza incorrere negli errori del passato. Abbiamo ricevuto tanti attestati di stima per la nostra attività, ma noi vogliamo certezze – ribadisce Cacici – che significano interventi concreti che possano essere visibili dai residenti e dai turisti, che attestino la reale volontà dell’attuale amministrazione comunale siracusana di voler realmente far tornare Fontane Bianche ai tempi del suo splendore. Non ci illudiamo che si possa fare tutto e subito, ma che almeno i segnali di una reale inversione di tendenza si possano cominciare a vedere sin dalla prossima stagione balneare e comunque, nel minor tempo possibile”.

Sia da parte del presidente della commissione consiliare al decentramento Giuseppe Casella e dei suoi colleghi consiglieri presenti, così come del presidente del quartiere Cassibile – Fontane Bianche Paolo Romano, è stata espressa la volontà di contribuire, alla soluzione dei problemi di Fontane Bianche, attraverso sopralluoghi frequenti individuando la necessità di un costante colloquio tra “Io amo Fontane Bianche” e queste stesse istituzioni, al fine di realizzare soluzioni positive per Fontane Bianche.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: