ULTIM'ORA

Siracusa. Sul nuovo ospedale continua il silenzio da parte dell’Amministrazione


sala-operatoria - siracusatimes

News Siracusa: “nonostante gli impegni assunti, nonostante i proclami, malgrado le assicurazioni dei Deputati del PD che sostengono questa maggioranza scalcinata, ormai alla frutta, ancora non si intravede alcuna soluzione per definire le procedure e le modalità per l’individuazione dell’area dove costruire il nuovo ospedale”. Lo dichiarano l’On. Vincenzo Vinciullo, e i Consiglieri Comunali Salvo Castagnino, Fabio Alota e Elio Di Lorenzo.

“Una maggioranza parolaia e inconcludente, che, dopo aver detto che l’area individuata da anni non andava bene, non riesce a trovare una soluzione e così la proposta del Consiglio Comunale viene mandata in Commissione, dalla Commissione agli uffici, poi rispedita in Commissione e rinviata al Consiglio Comunale, in un gioco delle parti e delle maschere dove anche Pirandello avrebbe avuto qualche difficoltà ad orientarsi. Questa Amministrazione Comunale, questa maggioranza, non ci vuole mettere nemmeno nelle condizioni di tentare di recuperare, nel corso della prossima Finanziaria nazionale, le risorse per costruire il nuovo ospedale”.

“Impegnati come sono a sbranarsi fra di loro, a litigare su ogni cosa e a denunciarsi vicendevolmente, non trovano il tempo di dedicarsi alla città, all’amministrazione della cosa pubblica, lasciando tutto al proprio destino come negli ultimi due giorni, dove l’Amministrazione Comunale ha brillato solo ed esclusivamente per la sua assenza. Conoscendoli – hanno concluso –  forse è stato meglio così, perché se avessero tentato un minimo intervento, le cose, sicuramente, sarebbero andate ancora peggio”.

Intanto, i consiglieri comunali di Area Democratica  Cosimo Burti, Giuseppe Casella, Antonio Moscuzza e Leone Sullo, in previsione della prossima seduta di civico consesso convocata per giovedì 29 settembre, hanno manifestato la loro indisponibilità ad aggregarsi a qualsiasi iniziativa in aula che tenda a rinviare la scelta dell’area dove dovrebbe sorgere il nuovo ospedale.

Fanno sapere che “la scelta dell’area su cui costruire il nuovo ospedale non può essere condizionata da un illusorio tentativo di convergere su una scelta condivisa, né quest’ultima ipotesi potrebbe essere chiamata a giustificazione di ulteriori ritardi. E’ arrivato il momento in cui ogni singolo consigliere comunale si assuma le proprie responsabilità. In caso contrario, ulteriori ritardi giustificherebbero l’ineluttabile necessità di togliere il disturbo per manifesta incapacità”.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: