ULTIM'ORA

Siracusa, Stefania Salvo: “L’istituzione in fase sperimentale dell’area pedonale in via Cairoli ha aggravato le problematiche dei residenti della zona”


Stefania Salvo Siracusa TimesNews Siracusa: Pubblichiamo, di seguito, una nota stampa a firma della consigliera comunale Stefania Salvo in merito al “problema” legato alla chiusura di via Cairoli resa, in via sperimentale, area pedonale.

L’istituzione in fase sperimentale dell’area pedonale in via Cairoli, pur condividendone le motivazioni ad essa sottese, ha aggravato le problematiche dei residenti della zona riguardo i posti auto. Come già segnalato all’amministrazione esattamente un anno fa, la presenza di numerosi <de hors> nella zona nonché di un venditore ambulante nella via Bengasi che ha posizionato sul suolo pubblico tavoli, sedie ed ombrelloni, ed i posti riservati ai bus navetta, di fatto sottraggono posti auto ai residenti“.

Se tra gli obiettivi programmatici dell’amministrazione comunale rientra, come citato nella delibera istitutiva dell’area pedonale di via Cairoli, l’attuazione di una serie di interventi finalizzati a migliorare la qualità della vita e promuovere una nuova concezione della fruizione della città, allora nell’ambito di detti interventi avrebbero dovuto essere contestualmente programmate ulteriori azioni idonee a tutelare anche gli interessi dei residenti della zona che prevalentemente nelle ore serali hanno difficoltà a trovare un posto auto. Avevo già suggerito all’amministrazione un anno fa, e torno a farlo adesso, che nelle zone interessate da un’alta concentrazione di esercizi pubblici di somministrazione con annesse occupazioni di suolo pubblico per spazi di ristoro è necessario comunque garantire un posto auto ai residenti con il rilascio di pass. Occorrerebbe programmare questo tipo di intervento individuando tutte le zone della città interessate da queste problematiche, dividere la città a zone ed istituire parcheggi riservati, contemperando da un lato le esigenze dei commercianti e dall’altro quello dei residenti“.

© Riproduzione riservata



Articoli correlati: