ULTIM'ORA

Siracusa, Riserva Saline e Ciane: firmato il protocollo tra Libero Consorzio e associazioni ambientaliste


protocollo-dintesa-siracusa-times

News Siracusa: la riserva Ciane e Saline dimenticata e abbandonata. Lo stato precario dell’area naturale ha sollecitato il Libero Consorzio Comunale di Siracusa a rispondere concretamente, stamattina,  con la firma di un protocollo d’intesa con le associazioni ambientaliste per l’attivazione di azioni finalizzate alla tutela e valorizzazione.

La firma avvenuta presso il Libero Consorzio Comunale di Siracusa, con il Commissario Straordinario dott. Giovanni Arnone permetterà la salvaguardia della R.N.O. “Fiume Ciane e Saline di Siracusa”. Erano presenti al tavolo l’Associazione Legambiente Siracusa (rappresentata da Paolo Tuttoilmondo), il comitato Parchi Siracusa (rappresentato da Giuseppe Ansaldi), l’associazione Naturalchemica Siracusa (rappresentata da Emanuela Di Bella), l’associazione Siracusa Forum (rappresentata da Giuseppe Patti), l’associazione Ente Fauna Siciliana (rappresentata da Corrado Bianca).

Il Libero Consorzio Comunale di Siracusa intende iniziare un rapporto di collaborazione con le associazioni del territorio, finalizzato ad assicurare la tutela e la fruibilità della R.N.O., “Fiume Ciane e Saline di Siracusa”. Si ritiene di proseguire sul percorso virtuoso avviato, intensificando le attività di partecipazione da parte delle associazioni, volte alla valorizzazione della riserva naturale orientata e finalizzate all’attivazione di tutte le azioni utili alla riqualificazione e sensibilizzazione dei fruitori, anche al fine di migliorare la conservazione degli ecosistemi, accrescere la fruibilità della riserva e della rete sentieristica, con particolare riguardo alle specificità naturalistiche e paesaggistiche, realizzando nel contempo, attraverso il reimpiego di materiale adeguato, segnaletica, pannelli informativi, postazioni per l’osservazione dell’avifauna ed eventuali ulteriori arredi, ciascuno in relazione alle esperienze acquisite ed alle specificità maturate; promuovere la conoscenza dei luoghi e la loro fruizione consapevole e sostenibile.

A proposito del protocollo d’intesa, va detto che il provvedimento, della validità di cinque anni, sarà trattato ed esitato dal Commissario Arnone anche con i poteri della Giunta. Da parte delle associazioni ambientaliste sottolineata, in particolar,  si impegnano, a titolo gratuito, ad avviare un percorso di collaborazione per l’attivazione di azioni finalizzate alla riqualificazione della riserva naturale.

Sarà attivato il Tavolo di Indirizzo Permanente (TIP) per la ricognizione degli interventi da eseguire. Verranno effettuate le verifiche degli interventi eseguiti per l’eventuale acquisizione dei pareri circa il ripristino delle condizioni di fruibilità in sicurezza delle aree oggetto d’intervento, a tutela della conservazione degli ecosistemi e della fruibilità della Riserva e dei sentieri. Svolgere attività di animazione nel territorio, in particolare con il coinvolgimento di scuole, e gestire la Segreteria organizzativa degli eventi di volontariato afferenti la Riserva, redigere le comunicazioni ufficiali indirizzate ai soggetti firmatari ed ogni eventuale richiesta di autorizzazione da formulare agli organi competenti. Promuovere le attività di volontariato attraverso canali di comunicazione diretta o di massa con l’obiettivo di coinvolgere cittadini e associazioni, al fine di ampliare la rete di volontariato operante sulla Riserva. Attivare tutte le azioni utili alla riqualificazione della Riserva, ivi compreso il reimpiego del materiale legnoso proveniente dalla potatura o dalla rimozione delle essenze vegetazionali in rovina, per la realizzazione- a cura di volontari e associazioni- di tavoli, panche, paletti per staccionate, segnaletica, atelier ludici per adulti e bambini, pannelli espositivi, e altro ancora. Si procederà con interventi realizzati da volontari o associazioni, con targhe, pannelli, ecc. In prossimità delle realizzazioni e/o attraverso il sito e/o altri strumenti di comunicazione.

Il Libero Consorzio Comunale di Siracusa (ente gestore della Riserva) dal canto suo si impegna a supportare le attività inerenti gli interventi straordinari attraverso l’impiego di risorse umane e mezzi meccanici. Sovraintendere a tutte le attività inerenti gli interventi di manutenzione, ivi comprese le attività di vigilanza, monitoraggio e controllo esercitate istituzionalmente e derivanti dalla Convenzione di affidamento di gestione di cui al decreto ARTa 26 maggio 1988. E infine, assumere ogni utile determinazione volta a migliorare la fruibilità della Riserva nel limite delle norme all’uopo vigenti e, in specie, del Regolamento che disciplina le modalità d’uso e i divieti nella Stessa, avvalendosi anche dei pareri tecnici espressi dai soggetti firmatari del presente accordo.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: