ULTIM'ORA

Siracusa, sigilli all’area archeologica di Piazza Vittoria, assessori e dirigenti del Comune indagati


piazza della vitoria - siracusatimes

immagine di repertorio

News Siracusa: sigilli all’area archeologica di Piazza Vittoria. I carabinieri del nucleo di tutela artistica hanno eseguito il provvedimento disposto dal gip del tribunale di Siracusa, Andrea Migneco. Iscritti nel registro degli indagati l’assessore alla cultura, Francesco Italia, e il dirigente del settore Rosaria Garufi. Il reato contestato è danneggiamento al patrimonio archeologico storico e artistico nazionale.

Francesco Italia, raggiunto dalla notizia, ha dichiarato: “atteso che lo scopo dei giudici è quello di tutelare il nostro sacro patrimonio culturale, io sono e sarò sempre, con convinzione, al loro fianco. Sono molto sereno perché è documentata e documentabile la mia battaglia per la manutenzione dei siti all’indomani del blocco dei fondi dello sbigliettamento. È stata oggetto di interviste, appelli alla deputazione regionale, diverse e documentate visite alla regione”. 

La zona, preziosa per la scoperta negli anni ’60 di beni culturali relativi alle dee Demetra e Kore, è oggi solo un posto ricolmo di erbacce e rifiuti.  L’indagine parte da un esposto firmato dai residenti di piazza della Vittoria con il quale veniva segnalato lo stato di incuria dell’area archeologica e il pericolo connesso a tale situazione per la salute pubblica. Se ciò non fosse bastato, la scorsa settimana una zona del sito archeologico è stata colpita da un incendio, sollevando la preoccupazione e la rabbia dei residenti.

La Procura ha affidato la custodia giudiziaria al sindaco Giancarlo Garozzo per la manutenzione e bonifica dell’area sottoposta a sequestro.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: