ULTIM'ORA

Siracusa. Settore ferroviario a braccia incrociate contro la riduzione delle ore di lavoro, Filt Cgil: “il 12 luglio sciopero di 4 ore”


stazione ferroviaria siracusatimesNews Siracusa: è stata convocata dalla Filt Cgil di Siracusa, l’Assemblea Straordinaria dei lavoratori della Mondus Service Srl , e della Artemide, aziende  del  settore degli  Appalti Ferroviari, per proclamare lo sciopero unitario  di 4 ore  per il prossimo 12 luglio 2016. L’organizzazione del lavoro, posta in essere dalla Mondus Service, conseguente alla riduzione delle ore lavorate non riesce a garantire l’effettuazione delle prestazioni richieste dalla Committente Trenitalia Regionale, pur avendo le Organizzazioni Sindacali disdettato il Contratto di Solidarietà l’azienda ha ritenuto di continuare con la riduzione dell’orario di lavoro.

Queste le conseguenti ricadute della campagna cambio appalti nel settore Ferroviario,si evidenzia la drammatica precarietà e criticità del sistema degli appalti,  legati alla drastica riduzione dei   costi. Molte sono le aziende, del settore ferroviario presenti  alla Stazione Ferroviaria e allo Scalo Pantanelli.  Il lavoro che svolgono è quello di supporto  e servizi all’attività ferroviaria, quali la manovra e manutenzione delle carrozze dei treni, lavaggio e pulizia dei vagoni, logistica e molto altro.

Si assiste al preoccupante ribasso del valore dell’appalto, si gioca infatti al massimo ribasso pur di mantenere o aggiudicarsi  l’appalto. Tutto questo a discapito dei lavoratori che  vedranno come risultato, la  riduzione, e in alcuni casi  la cancellazione dei diritti contrattuali e conseguentemente, come in parecchi casi,   un maggiore utilizzo della norma contrattuale della “solidarietà “.

“La Filt Cgil non ci sta a questo gioco – dichiara  Vera Uccello Segretario Generale – infatti è stato richiesto e disdettata la norma contrattuale della solidarietà, al fine di salvaguardare i lavoratori e chiede garanzie a Trenitalia per una maggiore attenzione delle norme sugli appalti pubblici e privati, per il rispetto dei diritti dei lavoratori e la salvaguardia dell’occupazione”.

“La Ferrovia e il mondo degli appalti rappresenta un punto fermo – conclude – per il lavoro, l’occupazione e  l’economia della nostra provincia, e ciò non può essere compromesso, anzi va salvaguardato”.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: