ULTIM'ORA

Siracusa: anziana derubata in casa. Si fingono dottoresse e le sottraggono denaro ed oro


truffa anzini siracusa times

immagine di repertorio

News Siracusa: c’è il falso medico, il falso carabiniere, il finto operaio del gas o della luce. C’è la ragazza che ferma un anziano per strada, lo abbraccia fingendo di conoscerlo, e lo deruba. Ci sono i violenti che entrano in casa con la forza minacciando le anziane vittime di morte se non gli consegnano i soldi. E poi ci sono le presunte dottoresse che sbrigano pratiche per aiutare gli anziani. Pratiche per aiutarli a poter usufruire di mezzi pubblici e via dicendo.

Ed è tramite una segnalazione alla nostra redazione che veniamo a conoscenza di quanto accaduto ad una signora 84enne siracusana residente in zona Zecchino.

La donna viene fermata da due ragazze nelle vicinanze della sua abitazione. Dopo svariate chiacchiere ed opere di convincimento le due truffatrici sono riuscite ad avere accesso alla case dell’anziana. Sfogliando varie scartoffie hanno chiesto alla donna di avere bisogno di una banconota di 100 euro e qualcosa di oro per poter avanzare la pratica.

A quel punto, vendendo l’ostilità dell’anziana, le donne hanno attuato la classica tecnica del bicchiere d’acqua. Proprio mentre la donna si era allontana per servire le due ladre è scattato il furto.

Le due donne, compiuto il meschino gesto, hanno subito salutato l’anziana dicendo che dovevano andare a sbrigare altre pratiche simili a quella che la vedeva coinvolta in prima persona.

E’ stato proprio quando le due donne sono uscite dall’appartamento sito in zona Zecchino che l’anziana, insospettita, ha controllato i propri beni accorgendosi che le due pseudo dottoresse le avevano sottratto un importo pari ad euro 850 e tutti i preziosi di oro in possesso.

La denuncia, alle autorità di competenza, è scattata immediatamente.

Vogliamo che questa storia non finisca nel dimenticatoio  – afferma la figlia dell’anziana – affinché possa servire da monito, per non cadere nella truffa, ad altre persone“.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: