ULTIM'ORA

Siracusa. Chiusa la Scuola “Raiti”, l’assessore Troia: “da domani operai al lavoro per la messa in sicurezza”


 

rinvio_raiti_-_siracusatimesNews Siracusa: “urgentissimo”. Si legge a caratteri cubitali nel sito dell’istituto comprensivo “Salvatore Raiti” di Siracusa. L’annuncio che riguarda il rinvio dell’attività didattica per “motivi di sicurezza” dopo un sopralluogo dell’ufficio tecnico del Comune di Siracusa. Da domani, operai domani al lavoro all’Istituto comprensivo per rimuovere dal tetto l’intonaco che rischia di cadere. La notizia è stata data stamattina al Consiglio di istituto dall’assessore alle Politiche scolastiche, Valeria Troia, che ha confermato l’impegno del Comune a intervenire col sistema della somma urgenza per consentire al più presto la ripresa delle lezioni in tutta sicurezza. Sempre di oggi, la denuncia del consigliere comunale e capogruppo di Oppposizione, Cetty Vinci, la quale  ha commentato come “incresciosa” la notizia del rinvio dell’apertura alla scuola Raiti (leggi qui).

“Stiamo lavorando – afferma l’assessora Troia – in stretta sinergia con la dirigente scolastica e i tecnici del Comune affinché tutto si possa risolvere in pochi giorni. La situazione che si è venuta a creare non è figlia delle nuove piogge, perché l’impermeabilizzazione del solaio è stata rifatta nel corso dell’estate con la posa di una nuova guaina, ma di vecchie infiltrazioni che stanno mostrando adesso i loro effetti ”.

Secondo quanto predisposto dall’Ufficio tecnico, domani gli operai provvederanno a scrostare le parti di tetto ammalorate facendo cadere l’intonaco pericolante e ripristinare condizioni di sicurezza. “Sapremo solo dopo – spiega – qual è l’entità del danno, il tipo di intervento da effettuare e, quindi, quando programmare l’inizio delle lezioni. Valuteremo ogni soluzione per recare agli alunni e alle famiglie il minor disagio possibile, compresa quella di partire con le attività mentre sono in corso i lavori”.

“Ci siamo occupati del problema non appena si è presentato effettuando un sopralluogo, confrontandoci con le esigenze della scuola e individuando subito il capitolo di bilancio da cui prelevare le somme – conclude l’assessora Troia -. È un problema tecnico e i tempi sono dettati dai tecnici: ogni tentativo di speculazione politica appare decisamente fuori luogo e volta solo a strumentalizzare il disagio delle famiglie”.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: