ULTIM'ORA

Siracusa, scherma: Due campioni del mondo, una location inusuale, un progetto che mette assieme sport e promozione del territorio


Scherma Siracusa Times News Siracusa: Due campioni del mondo, una location inusuale, un progetto che mette assieme sport e promozione del territorio.

Su queste basi poggia l’evento presentato questa mattina alla Capitaneria di Porto di Siracusa e che, proprio in largo IV novembre, vedrà protagonista la scherma Sulla pedana, allestita proprio di fronte la sede della Capitaneria, Stefano Barrera, due volte campione del mondo di fioretto a squadre nel 2008 e 2009, siracusano, atleta del Gruppo sportivo dei Carabinieri, e Daniele Garozzo, campione del mondo fioretto a squadre a Mosca 2015, di Acireale.

L’esibizione rappresenta il momento iniziale di un progetto più articolato e nato dalla conoscenza tra Stefano Barrera e il professor Feliciano Di Blasi, psicologo e preparatore atletico, rappresentante di HiMind Coach.

«Intendiamo parlare di sport con metodi nuovi – hanno dichiarato Barrera e Di Blasi – I testimonial migliori sono i grandi campioni, chi ha realmente vissuto spogliatoi e campi di gara. Lo sport è un grande veicolo di crescita personale, per questo crediamo che Siracusa, per la sua storia sportiva, abbia un potenziale enorme».

Si parte con la scherma, sport che a Siracusa ha una scuola di livello. «Ci sono oltre cinquanta atleti di tutte le età nella nostra sala d’armi – ha ricordato il maestro Antonio Cannarella del Club Scherma Siracusa – Stefano Barrera ha rimesso al servizio di questa città la sua esperienza e questo rappresenta un traino enorme per questa disciplina».

L’appuntamento, come ricordato dal vice comandante Ernesto Cataldi, ricade all’interno delle celebrazioni per il 150° anniversario della Fondazione delle Capitanerie di Porto.

«Questo luogo è aperto alla città attraverso una serie di eventi – ha ricordato Cataldi – Cultura, musica, sport sono occasioni che ci vedono co protagonisti e presenti, per quanto possibile, con le nostre strutture.»

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: