ULTIM'ORA

Siracusa. Save Villa Reimann: “la Casa del Custode è un letamaio, bisogna intervenire”


casa_del_custode_agosto_2014News Siracusa: l’imperativo è intervenire, con le buone o con le cattive. Il comitato “Save Villa Reimann” ritorna a denunciare sullo stato di degrado e abbandono del prezioso tesoro di via Necropoli Grotticelle, dono della gentildonna danese Christianne Reimann alla città di Siracusa. Il malcontento del comitato, è rivolto direttamente al Comandante della Polizia Municipale, Dott. Correnti, poiché il suo Ufficio unico depositario delle chiavi di accesso alla struttura.

Quelli di “Save Villa Reimann” chiedono di procedere e far procedere all’immediata chiusura del cancello d’accesso alla casa del Custode e della porta posteriore  e di far provvedere alla rimozione dei rifiuti e dei detriti dei locali vandalizzati ed alla disinfestazione dei locali. In assenza di ciò, giorno 28 gennaio, si attuerà l’iniziativa di chiudere il cancello con catena e lucchetto e di consegnare le chiavi al Procuratore della Repubblica , al Prefetto di Siracusa ed al Sindaco di Siracusa.

 “Abbiamo da troppo tempo richiesto di intervenire per sanare una situazione poco piacevole che magari è sfuggita al suo controllo e che da la misura della considerazione che la nostra Pubblica Amministrazione, i suoi Uffici e i suoi  funzionari responsabili hanno in relazione alla vergognosa situazione in cui ancora adesso è lasciata la Casa del Custode”. 
“Nulla è cambiato –  spiegano – dal momento della nostra mail di segnalazione del 18 novembre. E’ stata tolta soltanto la carcassa dell’animale senza tuttavia rimuovere i rifiuti e disinfettare la zona che rappresenta un pericoloso focolaio infettivo stante la vicinanza di civili abitazioni e di una scuola. Ancora oggi, per l’ennesima volta abbiamo provveduto ad accostare le ante del cancello esterno  e la porta di accesso al locale della Struttura in questione che troviamo continuamente aperte nonostante le segnalazioni”.

“Siccome ormai è stato abbondantemente superato il limite di guardia della cortesia nei riguardi di Istituzioni cittadine  troppo disattente nei riguardi  del Patrimonio Reimann – concludono –  il raggruppamento di associazioni e Cittadini “Save Villa Reimann” in forza dell’art 10 del testamento legittimato a chiedere avanti le competenti autorità giudiziarie ed amministrative che sia osservato l’adempimento di tutte le obbligazioni indicate nel testamento allo scopo di evitare la dispersione o la degradazione dell’intero compendio patrimoniale donato dalla Reimann”.

Vi riportiamo la lettera inviata al  Comandante della Polizia Municipale:

Dalle informazioni raccolte risulta che il suo spett.le Ufficio è detentore dell’unica chiave che consente di aprire la Casa del Custode dell’ex Patrimonio Reimann sito in Via Necropoli Grotticelle n° 18 .
 
Ci corre l’obbligo di informarLa che, in questo momento, il cancello di accesso alla struttura è aperto mancando sia la serratura sia un lucchetto e catena, così come praticamente è aperto il locale magazzino della struttura che risulta essere un letamaio con la presenza anche di una carcassa di cane.
 
Siccome tale situazione, come dimostrano le foto allegate, è identica a quella riscontrata il 16 agosto del 2014 con la presenza del Vicesindaco della Città si deve arguire che il suo Spett.le Ufficio da quella data ad oggi non ha mai proceduto ad alcuna ispezione sebbene il locale sia stato oggetto di  occupazione da parte di  extra-comunitari successivamente da voi allontanati.
 
Questa situazione ci addolora enormemente ma riteniamo che si debba procedere con celerità ad una pulizia dei locali, ad una loro disinfestazione ed alla chiusura per impedirne l’accesso a persone e animali.
Siamo convinti che nè Save Villa Reimann nè i Siracusani nè le Autorità competenti e responsabili possano consentire un abbandono così spregevole del Patrimonio che la gentildonna danese Christiane Reimann ha così generosamente donato alla Città di Siracusa.
 
 Confidiamo nel suo impegno.
 
Grazie
 
Il Coordinatore di Save Villa Reimann
Lo Iacono Marcello
© Riproduzione riservata


Articoli correlati: