ULTIM'ORA

Siracusa, una poltrona per le infusioni ai pazienti sclerodermici: la donazione di AILS all’Umberto I


poltrona_ails-siracusatimesNews Siracusa: l’Associazione Italiana per la Lotta alla Sclerodermia onlus, di cui è referente per Siracusa Lucia Zappulla, ha donato al Day Hospital del reparto di Medicina interna dell’Ospedale Umberto I di Siracusa una poltrona per le infusioni da destinare ai pazienti sclerodermici. Si tratta di una poltrona elettrica con comandi a pulsantiera, completa di poggiatesta, porta rotolo ed asta porta flebo. Già lo scorso anno l’AILS aveva donato per il medesimo reparto due pompe infusionali volumetriche corredate di accessori.

“Con questa ulteriore donazione – spiega Lucia Zappulla – abbiamo dato la possibilità al reparto di aumentare i posti dedicati per le infusioni di Iloprost, un farmaco vasodilatatore che costituisce la terapia di fondo per la sclerodermia, che i pazienti sclerodermici eseguono con periodicità mensile, soprattutto durante il periodo invernale”.

Il direttore generale dell’Asp di Siracusa Salvatore Brugaletta esprime gratitudine alla referente Lucia Zappulla e alla presidente nazionale Ines Benedetti per questo ulteriore gesto di liberalità “che confermasottolinea –  la sensibilità e la vicinanza dell’Associazione nei confronti dell’Azienda nell’ottica di contribuire al miglioramento dell’assistenza sanitaria per rispondere sempre più adeguatamente ai bisogni dei nostri utenti”.

L’AILS, con i suoi volontari, svolge attività socio-sanitaria offrendo ai malati servizi tra cui sostegno, orientamento, supporto psicologico, pratiche di invalidità e consulenza legale. L’Associazione è impegnata nella raccolta fondi da destinare alla ricerca scientifica e al miglioramento dei servizi offerti ai pazienti in campo socio-sanitario. Dal 2002 al 2012 AILS ha partecipato al finanziamento di otto progetti di ricerca e donato 20 borse di studio a medici specialisti. Ha, inoltre, contribuito a migliorare i centri di cura con la donazione di apparecchiature scientifiche.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: