ULTIM'ORA

Siracusa. Politiche del lavoro: “focus group” organizzato da Ispal su incentivi, tirocini extracurriculari, contratti ricollocazione e apprendistato


in foto da sinistra: Giovanni Vindigni, Rossana Costantino, Alberto Alessandra

Siracusa. Le politiche attive del lavoro e suoi strumenti, è questo il titolo dell’approfondimento tecnico informativo organizzato, questa mattina, dall’Istituto Formativo per le Politiche Attive del Lavoro (ISPAL), un organismo giovane che ha raccolto l’esperienza pluriennale dell‘ ISFORDD (Istituto a carattere Nazionale ) diventando pienamente operativa nella progettazione e nella gestione di interventi per lo sviluppo delle Risorse Umane, a sostegno delle “PAL” specificatamente nell’economia e nello sviluppo del Terzo Settore, nelle Piccole e Medie Imprese e nella Pubblica Amministrazione. All’interno della sala convegni dell’hotel “Villa Politi”, oltre tre ore di dibattito e confronto su interessanti tematiche del mondo del lavoro: il punto sugli incentivi, nuovo accorso tirocini extracurriculari, contratto di ricollocazione e contratto di apprendistato. Consulenti, soggetti operanti e ospitanti (Siracusa e Ragusa) hanno avuto modo di aggiornarsi, confrontarsi e individuare punti forti e deboli delle attività finalizzare finora da ISPAL. Obiettivo finale della giornata è stata la preparazione di un documento, contenente una serie di proposte e chiarimenti sulle nuove linee guida in materia di tirocini formativi e orientamento, dalla Conferenza Stato-Regione dello scorso 25 maggio 2017.

“Conoscere e analizzare le criticità per proporre una soluzione unica, ambire agli stessi comportamenti tra i soggetti” – dichiara Giovanni Vindigni, direttore del servizio CPI Ragusa che nello svolgimento delle attività odierne ha spiegato come le nuove linee guida rendono necessario un approfondimento, e in particolare alle novità riguardanti i tirocini extracurriculari. Innanzitutto la durata complessiva di svolgimento che diventa di dodici mesi anziché di sei mesi. La durata minima invece, è di 2 mesi (1 mese per attività stagionali) indicata all’interno del PFI. Altre novità riguardano la sospensione del tirocinio o l’Interruzione: per il tirocinante per qualsivoglia motivo con comunicazione per iscritto ad entrambe i soggetti (promotore ed ospitante); per il soggetto promotore e/o ospitante per gravi inadempienze da parte di uno dei soggetti coinvolti o per impossibilità a conseguire gli obiettivi formativi, con comunicazione formale scritta. Per i limiti numerici (nota prot. 34205 del 12/09/2017 della Regione Siciliana) sono raddoppiati rispetto ai limiti nazionali. Altra novità risiede nella premialità: soggetti con più di 20 dipendenti a tempo indeterminato che assumono tirocinanti con contratto di lavoro subordinato di durata pari almeno a mesi 6 (anche part time superiore al 50% delle ore previste da CCNL) possono attivare in deroga ai limiti numerici.

Argomento di grande interesse, è stato il contratto di ricollocazione, uno strumento innovativo di politica attive del lavoro attraverso il quale la Regione intende contrastare il fenomeno della disoccupazione. Per questo argomento ha preso la parola l’ingegnere Alberto Alessandra, direttore del servizio CPI di Siracusa. Per accedere al contratto è necessaria una la registrazione. Il candidato dovrà inserire i propri dati anagrafici (deve avere con se un documento d’identità) e il proprio reddito Isee relativo al 2016. La procedura richiede anche la Did, la dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro, che però può essere consegnata in un secondo momento. Una volta effettuata la registrazione al portale entro 20 giorni bisognerà andare in un qualunque Centro per l’impiego per confermare di presenza i propri dati. In ogni caso sarà comunque possibile effettuare tutta questa procedura, per intero, in un Centro per l’impiego. I requisiti per accedere sono la residenza o il domicilio in Sicilia per almeno 12 mesi, essere in cerca di prima occupazione o disoccupati che non godono di indennità di disoccupazione (Nasp), avere un’eta’ compresa tra i 18 e i 67 anni ed avere un reddito familiare ISEE 2016 inferiore a 20 mila euro. Ai destinatari del contratto e’ concesso un’indennità lorda di frequenza di 4 euro l’ora sulla base dell’effettiva partecipazione: in caso di inadempimento e’ prevista la decadenza dal beneficio e dall’indennità di frequenza.

Il Centro per l’Impiego avrà il compito di accogliere e informare i potenziali destinatari del contratto di ricollocazione sulle opportunità lavorative, convalidare i requisiti e prendere in carico i futuri lavoratori per redigere il profilo personale, secondo il modello Anpal, e fornire informazioni sugli operatori privati accreditati cui rivolgersi per l’offerta ai servizi specialistici. Sulla base delle domande registrate e convalidate dal Centro per l’Impiego, il Dipartimento Lavoro, in funzione della dotazione finanziaria, predisporrà  una graduatoria suddivisa in 4 gruppi per eta’: da 18 a 29 anni, da 30 a 40, da 41 a 50 e da 51 a 66 anni. All’interno di ciascuna di queste fasce, la graduatoria e’ stilata considerando, come priorità e in ordine crescente, il reddito ricavato dal modello Isee indicato nella domanda; l’eta’; il genere femminile e, in caso di ulteriore parità, si provvederà al sorteggio. A ogni fascia d’età verrà attribuita una quota della dotazione finanziaria cosi’ distribuita: 4.5 milioni (18-29), 2.250 (30-40), 3.750 (41-50) e 4.5 (51-66). Il percorso di accompagnamento al lavoro subordinato, da erogare esclusivamente su base individuale, si differenzia a seconda del grado di preparazione specifica del lavoratore. L’impegno varia da 118 a un massimo di 236 ore suddivise in 4 categorie, di cui due uguali per tutti: il servizio di orientamento specialistico della durata di 24 ore e quello di accompagnamento al lavoro di 94 ore. Si differenziano invece il servizio di collocamento mirato di 59 ore e quello di collocamento intensivo di 118 ore che saranno erogati in considerazione delle capacita’ professionali. Esiste anche un percorso di accompagnamento per il lavoro autonomo di 184 ore.  Infine, sarà riconosciuto all’operatore privato un contributo massimo di 8 mila euro per singolo utente, assunto nell’ambito del lavoro subordinato e in base alla difficoltà di inserimento nel mondo del lavoro. In particolare si tratta di 4 mila per l’alta collocabilitaà, 6 mila per la media e 8 mila per la bassa. Invece, per l’accompagnamento al lavoro autonomo, il contributo e’ di 6.256 euro e viene rimborsato solo ad avvenuta creazione d’impresa.

Sul contratto di ricollocazione l’Ispal si occuperà, partendo dall’esigenza dell’azienda, di analizzare le caratteristiche della risorsa da inserire e farlo partecipare alla misura del CDR; al contempo sarà disponibile a trattare coloro i quali sceglieranno la struttura per l’erogazione di tutti i servizi e il possibile matching. Secondo l’Ispal è necessario realizzare una sperimentazione circoscritta per ottenere, in breve tempo, un’efficace metodo da utilizzare, in sinergia con soggetti e partner. Obiettivo comune è garantire e alzare il livello di inserimento nel mondo del lavoro.

A concludere la giornata di lavori, la dottoressa Rossana Costantino con gli “Incentivi”, benefici normativi o economici riconosciuti agli enti pubblici economici e a tutti i datori di lavoro che assumono particolari categorie di lavoratori.

Si parte dall’“Occupazione giovani” per cui sono interessati i lavoratori tra i 16 e i 29 anni iscritti a Garanzia Giovani (o NEET) e i minori di 18 anni obbligo scolastico/formativo assolto. Agevolazione : dallo 01/01 al 31/12/2017 sgravio contributivo. Tipologie contrattuali e incentivo: max euro 8.060 tempo indeterminato (anche in somministrazione) o apprendistato professionalizzante (anche stagionale se previsto dal CCNL) con durata pari o superiore a 12 mesi, max euro 4.030 tempo determinato ≥ 6 mesi (anche in somministrazione) o apprendistato con periodo formativo di mesi 6. Spetta anche per l’assunzione, se fatta con CCNL (lavoro subordinato), di un socio lavoratore di cooperativa e si riduce per i part time.

Segue la categoria “Occupazione sud” per cui sono sono interessati i giovani disoccupati con età compresa tra 16 e 24 anni (e 364 giorni); i lavoratori disoccupati con almeno 25 anni, privi di impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi. I lavoratori non devono in ogni caso aver avuto rapporti di lavoro negli ultimi sei mesi con il medesimo datore di lavoro (tranne che nel caso di trasformazione). Agevolazione: dallo 01/01 al 31/12/2017 sgravio contributivo. Tipologie contrattuali e incentivo: max 8.060 euro tempo indeterminato (anche in somministrazione) o apprendistato professionalizzante con durata superiore o uguale ai 12 mesi; max 4.030 euro tempo determinato superiore o uguale ai 6 mesi (anche in somministrazione) o apprendistato con periodo formativo di 6 mesi.

L’incentivo per “Giovani e sud” non spetta in caso di assunzione con contratto di apprendistato per la “Q&D”, per il Diploma di Istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore; Contratto di apprendistato per l’Alta formazione e la Ricerca; Contratti di lavoro domestico, accessorio e intermittente; Per più rapporti di lavoro con lo stesso soggetto. Rientrano nell’ambito del beneficio i contributi previdenziali a carico del datore di lavoro con esclusione dei premi e contributi INAIL e le contribuzioni che non hanno natura previdenziale o che apportino elementi di solidarietà. L’incentivo non è cumulabile con altri incentivi di natura contributiva o economica. In caso di apprendistato professionalizzante il beneficio riguarda la contribuzione ridotta a carico del datore di lavoro; per gli anni successivi al primo il datore di lavoro potrà usufruire delle aliquote contributive già previste per tali tipologie di rapporti. Esonero contributivo assunzione sistema duale (legge di bilancio 2017) sono interessati i lavoratori giovani che hanno svolto alternanza scuola lavoro o apprendistato di I tipo. Agevolazione: dallo 01/01/2017 al 31/12/2018 Tipologie contratti: tempo indeterminato, anche in apprendistato e in part-time; Importo e durata dell’incentivo : 36 mesi (esonero contributivo) fino a 3250 annue (cumulabile con incentivi per percettori di Naspi o disabili). Questo incentivo è cumulabile con il programma FIXO di AnpalServizi Spa (valido fino al 29/12/2017) Per cui sono previste: Fino a 3000 euro per tutoraggio aziendale, (12 mesi con contratto di apprendistato di primo livello); fino a 500 euro annui per attività di tutoraggio aziendale riferibile a percorsi di alternanza scuola lavoro. Destinatari sono i datori di lavoro privati che abbiano effettuato, tramite proprio personale, attività di tutoraggio per contratti di apprendistato di 1° livello e di alternanza scuola-lavoro, con formazione svolta nell’ambito dell’IeFP.

Per le “Donne”  e gli “over 50” sono interessati (alla prima categoria) le donne prive di impiego da almeno 24 mesi. Agevolazione: dallo 01/01/2017 al 31/12/2018 Tipologie contratti e incentivi: tempo determinato, anche in somministrazione che corrisponde al 50% per 12 mesi; tempo indeterminato che corrisponde al 50% per 18 mesi; trasformazioni anche di rapporto; agevolato corrispondente a 50% fino a 18 mesi. Per quanto riguarda la seconda categoria sono interessati gli over 50 (disoccupati da oltre 12 mesi). Agevolazione: fino a diversa legislazione. Tipologie contratti e incentivi: tempo determinato, anche in somministrazione corrisponde il 50% per 12 mesi; tempo indeterminato corrisponde il 50% per 18 mesi: trasformazioni anche di rapporto agevolato corrisponde il 50% fino a 18 mesi.

“Lavoratori in ammortizzatori sociali”: per questa categoria sono interessati i lavoratori in “cigs” da 3 mesi. Agevolazione: riduzione contributiva pari al 10% per 12 mesi. Tipologie contratti e incentivi: A tempo pieno e indeterminato 50%dell’indennità per: 9 mesi (fino a 50 anni); 21 mesi (over 50); 33 mesi (over 50 e al sud). Lavoratori interessati: percettori di Naspi Agevolazione: incentivo economico. Tipologie contratti e incentivi: A tempo pieno e indeterminato 20% dell’indennità mensile residua lavoratori svantaggiati interessati: lavoratori disabili con riduzione della capacità lavorativa dal 45%. Agevolazione: dallo 01/01/2016; Tipologie contratti e incentivi: Tempo indeterminato (anche trasformazione): Tempo determinato superiore a 12 mesi (solo per disabili psichici).

Infine, la categoria “Giovani genitori o sostituzione per congedo”. Sono interessati i lavoratori (max 35 anni) e genitori di figli minori o affidatari di minori. Agevolazione: conguaglio tramite uniemens, a sportello. Tipologie contratti e incentivi: tempo indeterminato, anche parziale o trasformazione; euro 5.000 (max 5 assunzioni/trasformazioni per ogni singola impresa o società coop.). Sostituzione di lavoratrici e lavoratori in congedo di maternità, paternità o parentale: sono interessati i Lavoratori in congedo (ex-art. 4 D.lgs. 151/2001). Agevolazione: contributiva, per aziende con meno di 20 dipendenti. Tipologie contratti e incentivi: Tempo determinato 50% di sgravio contributivo per 12 mesi (Art. 10 L. n. 53/2000; Art. 4 D.lgs. n. 151/2000).

© Riproduzione riservata
Share


Articoli correlati: