ULTIM'ORA

Siracusa, Pillitteri: “città sporca, il piano di pulizia dell’area mercatale di Tiche è un fallimento”


area_mercatale_tiche_-_siracusatimes

immagine di repertorio

News Siracusa: “Le condizioni d’igiene e pulizia della città sono pessime, inutile negarlo, c’è un schifo dappertutto, aiuole incolte, marciapiedi sporchi, rifiuti di ogni genere sparsi ovunque, c’è bisogno di un piano serio di pulizia ordinaria. Non vedo operatori ecologici da una vita, le strade, le piazze e le villette presenti per la città non vengono mai spazzate. Sono queste le parole di denuncia del Segretario Circolo Pd Tiche Epipoli, Sergio PIllitteri sullo stato di degrado non soltanto l’area mercatale, bensì delle vie e aree limitrofe a cominciare dal boschetto ricadente tra via Giarre e via Calatabiano.

“Le condizioni dell’area del mercatino rionale del quartiere Tiche –   Pillitteri aggiunge- devono essere attenzionate in un quadro di riqualificazione generale di tale zona destinata alle attività commerciali, attraverso un confronto diretto con i commercianti, con le loro esigenze, in modo da migliorare le condizioni sia per gli stessi operatori che quotidianamente devono poter svolgere le loro attività miglior modo possibile, e per i cittadini che devono poter usufruire di tale servizio senza disagi.

“Se si pensa che l’intera area è circondata da innumerevoli abitazioni, risulta indispensabile adottare un piano di pulizia, igiene urbana costante, al fine di garantire condizioni di normalità e decenza, nel rispetto della vivibilità dei residenti stessi. Gli interventi di pulizia e bonifica non possono essere “a chiamata” devono essere periodici, inseriti in un quadro di pianificazione generale. Ad oggi questo non c’è. È un fallimento. Cosa si sta facendo per evitare il degrado d’igiene urbana? Perché la città è così sporca? Confido – conclude –  in un impulso diverso, affinché a queste domande vi siano atti concreti ed una maggiore attenzione ad un servizio oggi più che mai carente”.

 

 

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: