ULTIM'ORA

Siracusa, pesa pubblica di via De Benedictis in abbandono, Annino: “Amministrazione poco interessata al decoro della città”


annino - siracusatimesNews Siracusa: ripristinare il servizio di pubblica pesa in via De Benedictis. E’ la richiesta di Ermanno Annino, esponente di Forza Italia. Ormai mesi, precisamente qualche giorno dopo l’investitura alla rubrica, l’attuale assessore alle Attività Produttive del Comune di Siracusa rispose ad un intervento del sottoscritto sulla possibilità di ripristinare la struttura di pesa pubblica presso il mercato di via De Benedictis, sostenendo che dopo qualche giorno sarebbe stata invece smontata”.

A cura del Nucleo di Polizia Annonaria, solo pochissime volte – dichiara Annino –  a detta dei commercianti della zona, è stata utilizzata e non si capisce ne perché il servizio non abbia avuto corretta prosecuzione, ne perché visto il costo, il non utilizzo e il deterioramento della stessa, non sia stata salvaguardata.

“Ad oggi – spiega Annino – quella fatiscente struttura lignea si trova ancora in stato di completo abbandono davanti l’ingresso posteriore dell’Antico Mercato, insostenibili ormai le problematiche igienico-sanitarie scaturite, il “casotto” è divenuto ricettacolo di immondizia e topi, e ricovero di drogati e alcolizzati. Cosa si aspetta allora ad intervenire? Da qui a breve inizierà la stagione di alto flusso turistico e di viaggiatori nella nostra città ed il mercato di Via De Benedictis come è noto diventerà una delle peculiari attrazioni, legate alle antiche tradizioni economico-culturali nonchè storiche e folkloristiche della città e non possiamo continuare a mostrare Siracusa come antitesi di tale realtà turistica e patrimonio Unesco, già bastano le innumerevoli bancarelle abusive in ogni angolo della città e anche qui più volte denunciato e sembra che gli interventi siano veramente esigui”.

“Sembra che – conclude Annino – a questa giunta non stia per niente a cuore il decoro di Siracusa e che il regolamento tanto voluto sia stato solo un modo per “normare” dehors, insegne, vetrine ovvero tutto ciò che interessava un rientro economico all’ente e i “vergognosi” murales. Il Sindaco e le sue giunte fin qui alternate continuano a guardare a situazioni private, ad affidamenti e prorogati o per servizi di rilievo, velandosi pubblicamente con bandi per servizi di poco conto”.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: