ULTIM'ORA

Siracusa, Ortigia Film Festival. Domani ospite Veronica Pivetti ed in gara “Un posto sicuro” di Francesco Ghiaccio


ortigia-film-festival-veronica-pivetti-siracusa-timesNews Siracusa: in concorso domani, per il quinto giorno di programmazione dell’Ortigia Film Festival, “Un posto sicuro” di Francesco Ghiaccio interpretato da Marco D’Amore, Giorgio Colangeli e Matilde Gioli. Al termine della proiezione, che avverrà alle 20.45 in Arena Minerva, Francesco Ghiaccio incontrerà il pubblico del Festival.

Luca ha gettato via la sua vita. È un alcolizzato, che si arrabatta intrattenendo i clienti di vari locali, interpretando la parte di un clown. Eduardo, suo padre, col quale proprio per la vita che conduce Luca ha un rapporto difficile, è un ex operaio della Eternit di Casale Monferrato. Eduardo, come moltissimi altri, è malato. Un tumore ai polmoni lo sta consumando. Questa circostanza in qualche modo, riavvicina padre e figlio. Attraverso la tragedia personale Luca prende coscienza di quella che è una tragedia collettiva assumendosi la responsabilità di accudire suo padre. Il film sarà replicato alle ore 22.30 in Arena Logoteta.

Veronica Pivetti, tra gli ospiti attesi al festival, presenterà fuori concorso, alle ore 22.30 in Arena Minerva, il suo “Né Giuliettà né Romeo”. Rocco ha sedici anni. Età di passioni, ribellioni, desideri e paure. Genitori separati ma presenti, progressisti e aperti: Manuele, psicanalista molto cool e gran “tombeur des femmes” che proprio non riesce a mantenere discreta la sua affollatissima vita sentimentale e Olga giornalista della carta stampata che, al contrario del papà, annaspa fra lavoro e una vita personale faticosa e incasinata. Ultima, ma non per questo meno importante, Amanda, una nonna molto originale. Anacronistica e moderna insieme, assolutamente decisa a interloquire (a modo suo) con il nipote e i suoi tumulti adolescenziali.

Attesissima anche la Masterclass “Scrivere Il Cinema” con Niccolò Ammaniti, Andrea Purgatori e Carmine Amoroso che si svolgerà alle ore 18.30 al Punto G in Via Landolina 1. A Stefano Amadio il ruolo di moderatore dell’incontro. I tre ci parleranno e si confronteranno sul tema “sceneggiature tratte da soggetti originali e da romanzi”. Un incontro certamente inedito nel suo genere. Il pubblico assisterà ad un interessante colloquio sulle dinamiche del processo creativo che conduce un’idea originale o un romanzo a diventare sceneggiatura.

In Arena Logoteta, alle ore 20.45, sarà invece presentato il corto in concorso “Bellissima” di Alessandro Capitani. Per i documentari sarà la volta di Alessandro Piva che, alle ore 21.00, presenterà Due Sicilie. Al termine del documentario, Piva incontrerà il pubblico. Due Sicilie è un documentario per valorizzare paesaggio, cultura del lavoro e identità storica siciliana, un concertato di filmati d’archivio, immagini della Sicilia di oggi e musica di tradizione rielaborata da compositori contemporanei. La Sicilia come era e com’è, in un intreccio di nuovo e di antico che si rincorrono, si sovrappongono, si sfidano. I paesaggi, la natura, le arti, i mestieri, lo svago scorrono sullo schermo che si fa a colori e torna in bianco e nero, senza sosta, senza paura o vergogna, al ritmo delle stagioni e delle voci del popolo che gridano che la Sicilia è davvero cambiata ma, in fondo, è sempre la stessa.

Alle ore 22.15 sempre sul fronte del documentario sarà presentato in arena Logoteta “La deriva dei continenti” di Pietro Novello. Il film esplora la dimensione umanitaria della situazione di emergenza immigrazione in Sicilia, seguendo in particolare la carismatica figura di Aziz, un immigrato marocchino di vecchia data che è diventato nel tempo una persona chiave all’interno delle operazioni di sbarco in una delle province più colpite dal fenomeno, Siracusa. Un breve ma sincero ritratto sulla situazione, sotto un punto di vista raramente affrontato.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: