ULTIM'ORA

Siracusa: oggi si è tenuta la tavola rotonda “Fruibilità dei beni culturali, volano di sviluppo della Regione Sicilia”


tavola rotonda fruibilita' BBCC siracusa 10 giurno 16 (6)

News Siracusa: si è svolta oggi, presso il salone della Camera di Commercio di Siracusa, la tavola rotonda “Fruibilità dei beni culturali, volano di sviluppo della Regione Sicilia” organizzata da Filcams Sicilia, con il patrocinio del Comune di Siracusa e del Libero Consorzio Comunale di Siracusa. Il dibattito ha visto la partecipazione delle Soprintendente Rosalba Panvini, dell’assessore BB.CC. del Comune di Siracusa Francesco Italia, del prof. Antonio Gerbino oltre a Salvo Leonardi, segretario Regionale Filcams Sicilia, Monica Genovese delle segreteria CGIL Sicilia, Maria Grazia Gabrielli segretaria nazionale Filcams. Ha moderato i lavori Stefano Gugliotta.

L’assenza del governo regionale, non nuovo a disertare i confronti con le parti sociali, è stata rimarcata dal segretario Salvo Leonardi: “non è la prima volta che ciò accade, è chiaro che non è più frutto di casualità, questo governo regionale consapevole dell’impossibilità di dare risposte, preferisce sfuggire al confronto, avanzando ogni volta improrogabili impegni istituzionali”.

L’assessore Italia non è stato meno duro rispetto all’assenza dell’assessore Vermiglio: “quando i turisti trovano chiuso o impraticabile un sito culturale, pensano che la colpa sia sempre del Comune di Siracusa, che invece non solo cerca di collaborare per la fruibilità, ma di più, reclama alla regione i fondi dello sbigliettamento dal 2014, fondi che consentirebbero di poter intervenire senza pesare sui servizi alla cittadinanza”.

Il Prof. Gerbino, a proposito della fruibilità dei beni culturali ha osservato che: “insistono realtà museali in Sicilia che sono in linea con gli standard europei in tema di servizi aggiuntivi che rappresentano un valore aggiunto ai beni culturali, sia in termini di risorse economiche che di sviluppo, risorse di cui avrebbe giovamento anche la pubblica amministrazione; di contro si osserva che i privati che hanno avuto aggiudicate le gare, da oltre 3 anni sono impossibilitati ad effettuare oltre 3 ml di investimenti che potrebbero creare occupazione per l’indotto che ruota attorno ai beni culturali”.

Monica Genovese della segreteria regionale CGIL, ha tracciato le potenzialità che i beni culturali rappresentano per la Sicilia, rimarcando la questione delle infrastrutture viarie: “raggiungere Siracusa da Palermo se non in auto, vincola ad orari impensabili il turista che vorrebbe utilizzare i mezzi pubblici; per rendere fruibile un bene culturale, si dovrebbe iniziare dal renderlo quantomeno raggiungibile”.

La soprintendente Rosalba Panvini, ha sottolineato il ruolo fondamentale che l’associazionismo rappresentata per i beni culturali: “di fronte ad una pubblica amministrazione che nega alle soprintendenze sia l’autonomia finanziaria che le risorse, il ruolo dell’associazionismo è di primaria importanza e rappresenta un valore aggiunto”.

La segretaria Nazionale Maria Grazia Gabrielli, rispetto alla strumentale presa di posizione del governo Renzi a proposito della decretazione d’urgenza in occasione dell’assemblea del Colosseo ha sottolineato: “nessuno si è posto il problema che avevano quei lavoratori che esercitavano un diritto costituzionale e contrattuale quale il diritto d’assemblea, quando lavori in straordinario e poi non ti viene pagato, c’è un problema che va affrontato e risolto, non di meno si dovrebbero ricercare le responsabilità di chi, preventivamente avvertito dell’assemblea (per legge sono 48 ore prima) non ha messo in campo nessuna organizzazione per prevenire gli inconvenienti ai turisti”.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: