ULTIM'ORA

Siracusa nella Zona economica speciale della Sicilia orientale. Il sindaco Garozzo: “Un’occasione di sviluppo e di nuovo lavoro”


News Siracusa: “Un’occasione di sviluppo per il nostro territorio che può portare investimenti privati e lavoro”. Questo il giudizio del sindaco, Giancarlo Garozzo, sulla Zes della Sicilia orientale, la Zona economica speciale presentata ieri a Catania dal ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno, Claudio De Vincenti.
All’incontro con il ministro e alla successiva conferenza stampa hanno partecipato i sindaci delle tre città coinvolte: Siracusa, Catania e Augusta. La Zes interessa le aree portuali, dove i privati potranno effettuare investimenti godendo di crediti d’imposta e defiscalizzazioni.

“Di fatto – aggiunge il sindaco Garozzo – le imprese avranno un consistente abbattimento delle tasse e, dunque, un’opportunità appetibile per partecipare alle sviluppo di una vasta area portuale che intende conservare la centralità nel Mediterraneo e nei traffici via mare. Per quanto riguarda Siracusa – prosegue in sindaco Garozzo – stiamo ragionando su un piano di recupero e riqualificazione nella zona adiacente al Porto grande che si integrerà con la sua destinazione crocieristica e diportistica”.

I tempi per la presentazione dei progetti si annunciano brevi. Ieri è stato costituito un comitato che, come prima cosa, si confronterà con la Regione (che sarà l’interfaccia tra territori e governo nazionale) e con gli altri soggetti economici e imprenditoriali.

“I tre comuni devono essere bravi – conclude il sindaco Garozzo – a fare squadra e a sfruttare un’occasione che non è solo di riqualificazione ma soprattutto di crescita economica utilizzando, in maniera intelligente e compatibile con l’ambiente, quella enorme risorsa che è il mare. Non progetti calati dall’alto ma prodotti dai territori per un potenziamento dei sistemi portuali che sono, per la Sicilia orientale, una naturale fonte di sviluppo e di nuovo lavoro”.

© Riproduzione riservata
Share


Articoli correlati: