ULTIM'ORA

Siracusa, Movimento 5 Stelle: “Nuova puntata de “Le tragedie del Vermexio”


M5S Siracusa TimesNews Siracusa: il Movimento 5 Stelle aretuseo continua ad attaccare l’amministrazione comunale non solo a seguito dei recenti avvenimenti giudiziari che hanno coinvolto un assessore, due dirigenti e tre consiglieri comunali ma anche sull’operato amministrativo della giunta Garozzo e sull’agire del Consiglio Comunale.

“Dentro Palazzo del Senato, in questi giorni – si legge in una nota del movimento – continuano le docce gelate che non risultano essere d’insegnamento a chi ancora ricopre un ruolo istituzionale. Quasi tutta l’attività amministrativa risulta bloccata e con mille pretesti si rallentano le attività consiliari. All’avviso di garanzia per Cafeo e Foti, si sono aggiunti, quelli per tre consiglieri e tre dirigenti del Comune di Siracusa, oltre ai legali rappresentanti di associazioni sportive e cooperative sociali a cui sono stati affidati pare, illegittimamente, i servizi oggetto d’accertamento. Le indagini sono volte ad appurare se, da parte del Comune di Siracusa, siano stati aggiudicati indebitamente, i servizi relativi al sociale, asili nido ed impianti sportivi.

Questi fatti, seppure rilevanti, non giustificano quello che sta accadendo all’interno dell’amministrazione. Infatti,attualmente, le commissioni hanno dovuto sospendere i lavori in quanto i segretari delle stesse hanno presentato le proprie dimissioni.

Com’è noto ogni commissione è composta da un presidente, che ha la responsabilità del corretto svolgimento dei lavori, dai consiglieri comunali designati per ciascuna commissione e da un segretario avente il compito di redigere il verbale della riunione che deve riportare gli orari di inizio e fine dei lavori, presenze e assenze dei consiglieri, gli ordini del giorno e gli interventi delle parti partecipanti alla discussione in oggetto.

In caso di dimissioni dei verbalizzatori , il regolamento prevede che sia il consigliere più “giovane” ad adempiere/ a ricoprire tale ruolo. Nelle società in cui vige altruismo e l’interesse per la città, non sorgerebbero problemi ad applicare la norma relativa al caso di specie. Purtroppo, nel Comune più inquisito di Italia, accade che, i nostri consiglieri non accettino questo “disagio”, giustificando il diniego con la scusa che tale incombenza comporterebbe il rallentamento delle loro attività di commissione. Pertanto, i presidenti delle varie commissioni, hanno invitato “Palazzo del Senato” a trovare una soluzione in merito alla mancanza della figura del “segretario”. I rallentamenti sarebbero legati a questa “assenza”, però è il caso di ricordare loro che, in passato, hanno impiegato un terzo del loro tempo in commissione, per avere lo stesso risultato di oggi. Pur tuttavia, ad ogni problema esiste una soluzione, una di queste potrebbe essere un “bando pubblico”per ricercare la figura di “segretario” fra i giovani inoccupati e disoccupati, che abbiano requisiti adatti a svolgere tale compito secondo i principi della trasparenza.

C’è da sottolineare che a Siracusa il Consiglio Comunale non si riunisce dal 23 maggio u.s. e che entro il 30 aprile u.s. avrebbe dovuto essere approvato il bilancio di previsione 2016 ma, al momento, non vi è nessuna traccia di tale documento. La stagione estiva è iniziata e sarebbe stato utile incrementare i servizi di trasporto urbano per facilitare lo spostamento dei cittadini verso le località balneari al fine alleggerire il traffico sulle strade che collegano Siracusa ai vari centri costieri limitrofi. Le strade della città continuano ad essere disastrate e, sicuramente, non rappresentano un buon “biglietto da visita” per i turisti che scelgono di soggiornare in questa località. Intanto il primo cittadino aretuseo, insieme al vicesindaco Italia, si è recato in Cina per promuovere la nostra città che ha lasciato nel caos più totale.

Sorprendente è la dichiarazione, di qualche mese fa, di Giancarlo Garozzo: “Proprio in questi giorni stiamo organizzando la partecipazione della città di Siracusa a una importante Fiera del Turismo a Hong Kong. Crediamo infatti di esser pronti per promuovere Siracusa oltre il confine europeo perché la nostra città ha davvero tanto da offrire”. Ci si domanda: cosa?”

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: