ULTIM'ORA

Siracusa. Mostro Gender e Educare alle differenze? Stonewall: “Su di noi solo calunnie e cattiva informazione”


News Siracusa: “Educare alle differenze significa insegnare a bambine e bambini il rispetto dell’altro da se, qualunque esso sia, indipendentemente dal sesso di appartenenza, la provenienza geografica, il credo religioso, l’orientamento sessuale o le abilità fisiche e psichiche possedute. Ciò per combattere fenomeni discriminatori, prevaricazioni ed in taluni casi persino abusi, perpetrati sempre in maggior numero all’interno delle scuole di ogni ordine e grado e nella vita di tutti i giorni. Sono questi i principi che animano da tre anni a questa parte il network Educare alle differenze”  – spiegano in una nota l’associazione Stonewall GLBT Siracusa- nato dalla collaborazione di tre associazioni sul territorio nazionale: S.C.O.S.S.E. di Roma, Il progetto Alice di Bologna e Stonewall GLBT di Siracusa.

“La realtà, ormai composta da oltre 250 associazioni italiane, si avvale inoltre del contributo di un crescente numero di singoli operatori tra insegnanti, educatori e genitori.  Dopo le recenti polemiche e i pesanti attacchi indirizzati a Stonewall (leggi qui), – si legge sempre nella nota – alla sua presidente Tiziana Biondi e alla stessa assessora Valeria Troia, per aver aderito come Comune di Siracusa tramite “Città educativa”al network “Educare alle differenze” ed ai chiarimenti che ne sono seguiti, proprio da parte dall’assessora Troia, anche il direttivo di Stonewall intende chiarire, una volta per tutte, la propria posizione” (leggi qui).

Per questo motivo, verrà realizzata una conferenza stampa per il prossimo sabato 1 aprile, alle ore 10:30 presso la sala Arci di piazza S.Lucia,20. Per Stonewall saranno presenti all’incontro: Tiziana Biondi – presidente, Alessandro Bottaro – vice presidente , Sofia Milazzo – psicologa e Alessia Lo Tauro – avvocato. Un’incontro all’insegna della trasparenza e del confronto che da sempre animano le attività messe in campo dai volontari dell’associazione siracusana, per invitare tutti ad informarsi e quindi documentarsi sulla reale natura e la gratuità, dei progetti promossi dall’associazione.

© Riproduzione riservata
Share


Articoli correlati: