ULTIM'ORA

Siracusa. Mobilità e trasporti, consiglieri comunali Acquaviva e Zappulla: “fallimenti e possibili soluzioni del piano urbano”


News: una lettera dei Consiglieri Comunali, Alessandro Acquaviva e Marina Zappulla inviata all’assessore alla Mobilità e trasporti, Salvatore Piccione.

Piano urbano della mobilità e dei trasporti. “Il caos del traffico di questi giorni ha messo in luce antiche criticità del sistema viario della città, cattive abitudini dei cittadini ma anche un vuoto progettuale del settore viabilità del Comune. Apprezziamo l’impegno e le buone intenzioni comunicate a mezzo stampa dal neo assessore alla Mobilità ma ci chiediamo dov’è sono i progetti, in primo luogo il piano urbano della mobilità che viene periodicamente annunciato per poi cadere nell’oblio. La cosa certa è che il cammino verso la mobilità sostenibile, ovvero quell’insieme di servizi e mezzi di trasporto pensati e messi a disposizione dei cittadini per ridurre il traffico, migliorare la qualità dell’aria, tagliare i consumi energetici, è ancora lungo e tortuoso.Manca l’integrazione tra i vari sistemi di trasporto in modo che risultino interconnessi grazie anche al web e all’infomobilità. Ma anche i singoli servizi risultano carenti”.

Trasporto pubblico locale. “I bus elettrici hanno rappresentato una novità positiva per il sistema dell’accoglienza turistica e l’integrazione di nuovi bus è un’iniziativa utile e condivisibile. Tuttavia non si può non sottolineare l’inadeguatezza di orari e interscambi. Sollecitiamo, ancora una volta, l’utilizzo del sistema GPS per consentire agli utenti di consultare sul sito del Comune gli orari di arrivo aggiornati minuto per minuto. Successivamente, con un investimento minimo, si potrà realizzare una cartellonistica elettronica nelle fermate. Ovviamente un sistema analogo chiediamo all’ AST”.

Go bike. “Il fallimento del servizio go bike, nonostante la buona volontà degli impiegati del settore Mobilità, è sotto gli occhi di tutti. Le stazioni in servizio sono soltanto due: piazza Archimede e piazzale del Monumento dei caduti, per un totale di 10 biciclette. Le restanti 80 sono in deposito poiché le altre 10 stazioni sono prive di collegamento Internet. Inoltre, non ci sono rivenditori autorizzati a rilasciare abbonamenti e ricariche e gli stessi uffici comunali non possono svolgere tale attività alla luce della nuova normativa. Una novità interessante giunge dal presidente dall’associazione Noi Albergatori che, nell’audizione del 12 aprile in IV commissione, ha annunciato la disponibilità degli operatori alberghieri a svolgere gratuitamente l’attività di rivenditoria e ha proposta una dislocazione delle stazioni go bike più prossima agli alberghi . Auspichiamo che l’Amministrazione non faccia cadere nel vuoto tale proposta, non fosse altro perché non avrebbe senso sostenere le spese di manutenzione per lasciare, poi, le biciclette ferme in deposito”.

© Riproduzione riservata
Share


Articoli correlati: