ULTIM'ORA

Siracusa: L’Ortigia maschile prosegue la preparazione al match casalingo contro la Pallanuoto Trieste


igm ortigia siracusa timesNews Siracusa: L’Ortigia maschile prosegue la preparazione al match casalingo di sabato pomeriggio, alle 15 contro la Pallanuoto Trieste. Doppio lavoro per la squadra di Gino Leone che, archiviata la sconfitta di Roma, ha bisogno di rialzare la testa e tornare a fare punti.

Contro i triestini, avversari dei biancoverdi nella finale play off di A2 della scorsa stagione, sarà un test delicato e servirà la massima concentrazione. Il tecnico siracusano, in questi giorni, sta lavorando proprio sulla correzione di alcuni errori commessi nelle partite fin qui disputate e sull’approccio mentale alle gare.

Buone indicazioni, in questo senso, sono arrivate dall’amichevole di ieri sera contro la Nuoto Catania. Alla “Caldarella”, infatti, si è giocato a ritmi alti, con un’intensità costante e tanta grinta in acqua da parte di entrambe le squadre. Questa mattina, invece, i ragazzi hanno svolto un allenamento dedicato alla velocità e al potenziamento della forza, mentre, in serata, si lavorerà sul piano tecnico-tattico.

La gara di sabato pomeriggio, valevole per la 5a giornata del campionato di A1 maschile, sarà arbitrata dai signori Castagnola e Savarese. Come delegato, invece, è stato designato il signor Marchisiello.

Si è concluso ieri, infine, lo stage di nuoto master che la squadra francese “CNO St Germain en Laye” ha svolto per sette giorni alla “Caldarella”, agli ordini del preparatore della prima squadra Marco Conti. “E’ stata una bella occasione per far conoscere i nostri metodi di allenamento – ha commentato Conti. La squadra francese si sta preparando ai prossimi campionati europei di Londra e ha chiesto all’Ortigia di potersi allenare qui e, quindi, abbiamo avuto la possibilità di riprendere e visionare dei video subacquei delle nuotate, con successiva correzione degli errori. Inoltre, nei giorni di allenamento a Siracusa, questi atleti hanno lavorato molto sulla metodologia, sulla programmazione degli allenamenti e sulla preparazione a secco, simulando, durante l’ultimo giorno di stage, anche una prova di gara”.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: