ULTIM'ORA

Siracusa: l’interrogazione parlamentare di Vinciullo sulla mancata apertura della residenza sanitaria a Pachino


vinciullo siracusa timesNews Siracusa: rispondendo all’interrogazione parlamentare n. 1750 dell’On. Vinciullo “Notizie sulla mancata apertura della residenza sanitaria assistita di Pachino” l’Assessorato regionale della Salute, con relazione prot. 76942 dell’8 ottobre 2014, ha risposto che “per la struttura sanitaria indicata non sono mai state acquistate o dislocate apparecchiature mediche all’avanguardia e/o arredi o mobili di alcun genere e che sono attualmente in fase di svolgimento le procedure per la esternalizzazione in deroga e per l’indizione di una gara ad evidenza pubblica , la cui realizzazione è prevista entro l’anno in corso”.

Lo dichiara l’On. Vincenzo Vinciullo, Vice Presidente Vicario della Commissione ‘Bilancio e Programmazione’ all’ARS. Il progetto aziendale dell’ASP di Siracusa di riorganizzazione e potenziamento della rete di residenzialità per soggetti fragili, approvato il 15 febbraio 2011, prevedeva 45 nuovi posti RSA a Pachino. A causa, però, della necessità di effettuare interventi di manutenzione straordinaria e di adeguamento delle strutture, non è stato possibile attivare i posti previsti.

“Infatti – ha proseguito l’On. Vinciullo – la struttura attuale necessita di un nuovo impianto per la produzione di acqua calda sanitaria, della linea per la distribuzione dell’ossigeno, oltre a vari interventi che sono necessari a causa del degrado dell’edificio, fortemente aggredito dalla brezza marina. Pertanto, i 45 posti RSA che erano stati assegnati a Pachino, furono, a suo tempo, attivati presso l’Ospedale di Lentini e presso l’Ospedale Rizza di Siracusa. Adesso, dopo 10 mesi dalla mia interrogazione, l’Assessorato risponde ammettendo di non avere risorse proprie disponibili e che si dovrà ricorrere alla esternalizzazione. Risposta che non mi può assolutamente soddisfare. Spero, però, che il nuovo Direttore Generale sappia intraprendere tutte le opzioni possibili affinché si possa concludere favorevolmente questa vicenda che ha il sapore amaro dell’ennesima incompiuta e dell’ennesima incapacità che si ha nel governare il territorio.

Continuerò, però, come mia abitudine – ha concluso l’On. Vinciullo – a vigilare affinché, entro il giugno dell’anno prossimo, possa essere aperta la Residenza Sanitaria Assistita di Pachino, ridando alla struttura quella dignità che tanti anni di abbandono le ha sottratto”.

© Riproduzione riservata
Share


Articoli correlati: