ULTIM'ORA

Siracusa: l’Eurialo batte il Gela al tiebreak


striscione-eurialo

News Siracusa: l’Eurialo centra il secondo successo consecutivo al tiebreak nel campionato di serie D di pallavolo femminile, battendo in casa il Gela al termine di una “battaglia” durata quasi due ore e mezzo e conquistando altri due punti preziosi per la classifica. Successo dedicato dalla società a Salvo Franza, titolare di “Seritalia”, sponsor dell’Eurialo, per la perdita della mamma, signora Elvira Mela, deceduta ieri mattina. “Ci stringiamo al dolore della famiglia – ha detto il presidente Carmelo Messina – in questo momento di difficile. Siamo vicini a Salvo Franza”.

Prima della partita, le siracusane mostrano uno striscione contro la violenza sulle donne con la scritta “Gli schiaffi….diamoli solo ad un pallone. Le mani…alziamole solo per fare muro”. Poi si comincia a giocare. Il primo set è combattuto ed emozionante. Sul 22-20, le verdeblù si fanno raggiungere e superare. Impattano sul 23 pari ma alla fine cedono di due lunghezze. La reazione è immediata. Le padrone di casa giocano con maggior scioltezza e determinazione, si portano anche sul più 7 (20-13) e mantengono il vantaggio fino al termine. Bennardo e Palmese firmano i punti decisivi. Il terzo set è a favore delle ospiti, che se lo aggiudicano con 6 punti di margine, sfruttando anche qualche errore di troppo in difesa delle siracusane. L’Eurialo non si arrende e, grazie alle giocate di Raccosta, Bennardo e Palmese, all’ottima difesa di Di Martino e ad alcuni aices di Farruggia si aggiudica un parziale in cui perde per un infortunio alla caviglia Roberta Di Mauro (in infermeria c’era già Alessia Longo per lo stesso problema), che lascia il campo tra gli applausi del pubblico. Al quinto set la squadra locale mostra gli artigli e vince 15-7. Non c’è storia. L’equilibrio dura fino al 4-4, poi parziale di 7-0 delle aretusee, che annichilisce le avversarie. L’ultimo punto è di Rebecca Tanasi, ancora tra le migliori, che piazza la palla in lungo linea, facendo gioire il Palakradina.

 

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: