ULTIM'ORA

Siracusa: la pubblicità solo a mogli e parenti, indagini della Finanza alle spese INDA. Sette soggetti responsabili di truffa


sede fondazione inda siracusa timesNews Siracusa: indagate sette persone dalla Guardia di Finanza per il reato di associazione a deliqunere e truffa. Questi i capi d’imputazione notificati dalla Guardia di Finanza a conclusione delle indagini preliminari e informazione di garanzia nei confronti di funzionari dell’INDA e imprenditori siracusani. I sette indagati avrebbero offerto i servizi di pubblicità dell’Istituo Nazionale del Dramma Antico a società fittizie, in realtà costitutite da persone a loro vicine, ovvero parenti e coniugi.
Le indagini coordinate dal Procuratore Capo della Repubblica di Siracusa Dott. Francesco Paolo Giordano e dirette dal Sostituto Procuratore Dott. Roberto Campisi sono state svolte dal Nucleo di polizia tributaria ed hanno consentito all’Autorità Giudiziaria inquirente di ipotizzare i suddetti reati nei confronti di: Balestra Fernando, già Sovrintendente dell’istituto, Signorelli Enza (già Consigliere Delegato) e Mascitelli Vanessa (Responsabile Operativo). Per quel che riguarda gli imprenditori: Renato Angelo, Renato Renato, Scandurra Laura e Parrinello Giampiero, amministratori, di diritto e di fatto, della ARCHIMEDEA S.R.L. di Siracusa.
Gli investigatori hanno esaminato ed approfondito le spese sostenute dall’Istituto Nazionale del Dramma Antico, negli anni dal 2005 al 2012. Particolare attenzione è stata rivolta alle somme spese per servizi di pubblicità ed all’affidamento degli stessi. I risultati hanno fatto emergere che i contratti venivano conclusi attraverso licitazioni private a favore di società riconducibi li a parenti e/o coniugi di funzionari dell’INDA.
Nello specifico, dalle indagini svolte dalla fiamme gialle aretusee, è risultato che, negli anni dal 2009 al 2012, sono stati affidati lavori relativi alla pubblicità per circa 500 mila euro, poi risultati fittizi, ad una società i cui componenti erano in stretti rapporti di parentela con il responsabile operativo dell’INDA.
 
© Riproduzione riservata


Articoli correlati: