ULTIM'ORA

Siracusa. La PET/TC giunge all’Umberto I: venerdì l’inaugurazione insieme al ristrutturato reparto di Medicina Nucleare


medicina nucleare siracusa times

Immagine di repertorio

News Siracusa: un risultato encomiabile che completa l’offerta diagnostica dell’Azienda sanitaria provinciale di Siracusa nel campo della Medicina Nucleare.

La destinazione da parte dell’Assessorato regionale della Salute di una delle apparecchiature PET/TC programmate nel 2009 e finanziate con i fondi europei Po Fesr 2007/2013, permetterà di effettuare degli esami più innovativi nel campo della diagnostica per immagini e di facilitare il medico nell’intraprendere con migliore accuratezza la corretta decisione terapeutica. La PET/TC, insieme al ristrutturato reparto di Medicina Nucleare dell’ospedale Umberto I diretto da Salvatore Pallapalardo, sarà inaugurata questo venerdì, a partire dalle ore 12.

All’evento parteciperanno il presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta, l’assessore regionale della Salute Baldassare Gucciardi, le autorità religiose, civili, politiche e militari ed i rappresentanti delle organizzazioni sindacali, del terzo settore e della sanità. La struttura sarà inoltre benedetta dall’arcivescovo di Siracusa mons. Salvatore Pappalardo.

“L’Asp di Siracusa – spiega il direttore generale dell’Azienda sanitaria provinciale (Asp) Salvatore Brugaletta nel rispetto dell’impegno assunto con la cittadinanza, ha concluso il percorso per l’installazione della nuova apparecchiatura di alta tecnologia diagnostica PET/TC, la prima in provincia di Siracusa, nonché la ristrutturazione e l’adeguamento del reparto ospitante di Medicina Nucleare dell’ospedale Umberto I”.

“Con l’istituzione del servizio PET/TC unitamente all’ormai imminente avvio della Radioterapia nell’area dell’ospedale Rizza, la cui cerimonia di inaugurazione è in programmazione già per la prossima settimana – conclude Brugaletta – sarà migliorato l’iter sanitario dei pazienti oncologici ed evitato che gli stessi siano costretti a recarsi in altre città siciliane”.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: