ULTIM'ORA

Siracusa: la ditta Xifonia sospesa dalle attività alla Versalis-Eni di Priolo. I sindacati: “intollerabile e inaccettabile aggiungere beffa alla tragedia”


Polo petrolchimico siracusano Siracusa TimesNews Siracusa: la ditta “Xifonia” sospesa dalle attività alla Versalis-Eni di Priolo. La notizia giunge, a distanza di alcuni giorni dall’incidente mortale alla raffineria di Priolo che ha coinvolto i due dipendenti della ditta, Michele Assente e Salvatore Pizzolo, che impegnati in operazioni di ispezione presso un pozzetto, avrebbero inalato alcune esalazioni, probabilmente, vapori di idrocarburi (leggi qui).

Oggi arriva la decisione di Eni, di sospendere la ditta da qualsiasi lavoro all’interno dell’area Versalis e non tarda ad arrivare la risposta da parte dei tre segretari di Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm Uil, Gesualdo Getulio, Sebastiano Catinella e Marco Faranda tuonano: “intollerabile e inaccettabile aggiungere beffa alla tragedia. La decisione dell’azienda del gruppo Eni colpisce 12 lavoratori, colleghi dei 2 operai morti e sembra quasi che le due vittime e la loro azienda siano già stati condannati da Eni”.

L’obiettivo dei sindacati è uno e uno solo: “a Versalis, quindi a Eni, chiediamo un immediato passo indietro per scongiurare quell’inevitabile epilogo che costringe le ditte in crisi a provvedimenti di tagli al personale. Fim, Fiom e Uilm non intendono subire questo ulteriore oltraggio alla dignità del lavoro. Ci attiveremo perché questi lavoratori possano tornare da subito all’opera. Lo faremo con ogni azioni di lotta chiedendo la solidarietà di tutte le categorie del settore industria”.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: