ULTIM'ORA

Siracusa la “Città Educativa”, presentata la nuova piattaforma web. Assessore Troia: “un importante contenitore culturale che la Città avrà a disposizione”


15284114_10207697838265835_6500140673680291140_nNews Siracusa: “Giornata Internazionale delle Città Educative” versione aretusea è stato un appuntamento ricco di contenuti, che ha aperto scenari positivi consolidando quanto di buono si è già fatto soprattutto nel rapporto da ente pubblico, scuole e il sostegno del terzo settore. La giornata organizzata dallo staff comunale di Città Educativa nella Chiesetta dei Cavalieri di Malta, a cui erano presenti le scuole cittadine e tantissime associazioni e cittadini.

Nel corso della mattinata è stata presentata la Piattaforma web del progetto, che sarà uno strumento per tutti cittadini per conoscere i contenuti, gli obiettivi del percorso Città Educativa, le iniziative in programma, e una ricca documentazione dei progetti svolti. È stato presentato, altresì, il contenuto delle attività condivise nelle scuole con il POFT (Piano dell’Offerta Formativa Territoriale), che è uno dei pochi nel mezzogiorno,  che prevede lo scambio di buone prassi e la condivisone di iniziative tra le scuole primarie della città . In particolare sono stati presentati dai loro referenti alcuni dei progetti che partiranno nelle scuole da gennaio, tra i quali, il progetto di Salute alimentare proposto da Actionaid, quello di educazione alla lettura sin da piccoli, denominato “Nati per leggere” proposto da bibliotecari, lettori volontari e pediatri, rivolto principalmente ai giovani genitori. Presentato anche il progetto “Proagon” proposto dall’Accademia Giovanile dell’Inda in collaborazione con la Biblioteca comunale, sul tema dell’educazione alla bellezza attraverso il teatro antico e non solo. Un progetto di educazione alle pari opportunità e alla educazione di genere proposto da Stonewall per gli insegnanti.

Durante l’incontro è stata annunciata la costituzione di un tavolo di lavoro per la stesura del 1° piano per l’infanzia della Città di Siracusa, che si avvarrà del  contributo di una referente dell’Università Kore di Enna, che vedrà il suo sviluppo, con il nuovo Difensore dei diritti dei bambini che sarà presto eletto dal Consiglio Comunale. Avviato, infine, un primo confronto sul tema “Urban Center quale attività per lo sviluppo della Città Educativa“, in vista della prossima apertura dell’Urban Center nei locali ristrutturati della Sala Randone in via Malta e della adiacente palazzina.

“Dall’incontro – ha detto l’assessore Valeria Troia – sono emerse molte proposte per attività di tipo culturale, artistiche, di partecipazione raccogliendo da tutte le associazioni presenti un’ampia disponibilità per la gestione di questo importante contenitore culturale che la città presto avrà a disposizione. Un modello Siracusa – ha infine detto l’assessore Troia – che è forse poco conosciuto ma che rappresenta certamente la parte più impegnata e motivata della città che vuole costruire e non solo criticare a senso unico”. Per finire sono stati definiti i termini dell’avviso pubblico per aderire all’albo delle associazioni Amiche della Città Educativa che è già disponibile sul sito istituzionale del Comune di Siracusa.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: