ULTIM'ORA

Siracusa. Il sindaco Garozzo sul 70esimo compleanno della Repubblica


Garozzo Siracusa Times News Siracusa: “La Repubblica festeggia oggi il suo 70esimo compleanno. Un lungo percorso da quel 1946 che affidò all’esito referendario la nuova struttura dello Stato. Da quel giorno le celebrazioni del 2 giugno, avvicinando le Istituzioni alla collettività e stimolando il sentimento di appartenenza ai valori più nobili, ci ricordano i principi fondanti della Nazione e della sua grande civiltà.

Oggi ricordiamo quindi non solo la nascita della Repubblica Italiana come forma di Stato scelta dai cittadini, ma riaffermiamo anche i principi di democrazia, di libertà e di solidarietà sociale sanciti dalla nostra Carta costituzionale. Principi che attraverso il suffragio universale e il voto alle donne hanno reso libero il nostro Paese.

E piace ricordare, in questa occasione, il contributo di idee e di azioni che le donne impegnate nelle Istituzioni hanno dato alla crescita della Repubblica. Stiamo vivendo  una crisi difficile per superare la quale occorre un grande sforzo, fatto anche di sacrifici, per aprire una prospettiva di sviluppo più sicuro e più forte: per conseguire questo risultato, dalle donne, dal ruolo che hanno ricoperto in passato e dalle responsabilità alle quali sono state successivamente chiamate nel corso di questi 70 anni, possiamo trarre un grande insegnamento.

Oggi celebriamo la Repubblica ma guardiamo anche alla sua Costituzione, frutto di quella stagione di rinascita successiva alla Liberazione. Esse ci trasmettono la consapevolezza e l’orgoglio di essere italiani, consolidano un sentimento nazionale maturo.

Questi devono rimanere i nostri valori, nonostante le tensioni di quest’ultimo anno; nonostante la disaffezione che allontana la gente dalla politica; nonostante i tentativi di delegittimazione dello Stato e delle sue Istituzioni; nonostante, infine, le turbolenze dei mercati e la vicenda dell’immigrazione che vorrebbero mettere in discussione l’impalcatura stessa dell’Unione Europea”.

 

 

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: