ULTIM'ORA

Siracusa. Il Museo del Papiro amplia il proprio laboratorio di restauro al Cairo


Corrado Basile Siracusa Times

Corrado Basile e Anna Di Natale insieme al ministro delle Antichità egizie Mandouh Eldamaty

News Siracusa: esprime soddisfazione, il direttore e fondatore del Museo del Papiro di Siracusa, Corrado Basile, per l’incontro positivo, avuto nei giorni scorsi al Cairo, con il ministro delle antichità Mandouh Eldamaty, da sempre conoscitore e sostenitore del museo siracusano. L’esponente dell’esecutivo egiziano ha anche espresso il desiderio di visitare la città siciliana.

Dall’incontro, sono scaturiti molti risultati importanti per la nota istituzione siracusana, in quanto Eldamaty ha offerto piena disponibilità all’ampliamento del Laboratorio di Restauro dei Papiri che, il Museo di Siracusa ha realizzato nel 2005 presso il Museo Egizio del Cairo.

Il Laboratorio di Restauro dei Papiri del Museo Egizio è pienamente funzionante tutto l’anno, grazie ad una equipe di giovani restauratori egiziani che eseguono interventi di restauro su papiri nei diversi stati di conservazione, utilizzando le metodologie più avanzate messe a punto dal Basile.

Proprio per celebrare i dieci anni di attività dal 29 dicembre al 31 gennaio, scorso, il Museo ha allestito, presso l’ex convento di Sant’Agostino, una mostra fotografica che ha ripercorso la lunga attività del laboratorio.

Oggi, a dieci anni dall’apertura del laboratorio, grazie all’importante aumento dell’attività, gli spazi disponibili si dimostrano insufficienti, in quanto non consentono il soddisfacimento delle numerose richieste di restauratori, sia egiziani sia europei, che desiderano far parte dell’equipe che opera presso il prestigioso laboratorio.

Questa esigenza, posta nella “missione culturale” in Egitto, da Corrado Basile e Anna Di Natale, fondatori del museo siracusano, è stata condivisa immediatamente dal ministro Eldamaty, che insieme al Direttore Generale del Museo Egizio del Cairo Khaled El Anany, ha dato disponibilità, immediata, all’ampliamento del Laboratorio di Restauro dei Papiri.

Unica nota stonata in questo discorso è che mentre il Museo Egizio del Cairo concede al Museo del Papiro di Siracusa la massima disponibilità all’ampliamento del laboratorio a Siracusa, presso la propria sede nell’ex convento di Sant’Agostino, l’istituzione si è vista “scippare” i locali, che nel progetto approvato, erano destinati ad ospitare i laboratori del Museo del Papiro e  che oggi non sono utilizzati allo scopo per i quali sono stati finanziati i restauri.

“Il Museo del Papiro  – dichiarano Basile e Di Nataleè un’istituzione riconosciuta a livello internazionale che sin dal 1987 svolge  attività di promozione, diffusione e valorizzazione del patrimonio culturale del papiro, attrattiva peculiare, non solo della città di Siracusa ma dell’intera Sicilia, e possiede tra l’altro un’importante collezione di papiri prodotti a Siracusa dal XVIII secolo e la più ampia collezione di papiri antichi che va dal XV secolo a.C. all’VIII d.C. dell’Italia meridionale e l’unica in Sicilia.

La mancanza o l’indisponibilità degli spazi – concludono i due fondatori – penalizza l’istituzione siracusana in quanto non permette di svolgere appieno, nella propria sede dell’ex convento di Sant’Agostino, le proprie attività istituzionali”.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: