ULTIM'ORA

Siracusa, il 2016 dei Carabinieri in numeri: raddoppiate le denunce, diminuiti i furti e le rapine


conferenza-stampa-carabinieri-fine-2016-siracusa-timesNews Siracusa: un anno di grande impegno per l’Arma dei Carabinieri in Provincia. Dall’esame dei dati complessivi, il primo aspetto che si evidenzia favorevolmente è la diminuzione dei delitti complessivi rispetto al decorso anno, da 10.700 a 9.894. I Carabinieri hanno proceduto sul 69% dei delitti e ciò anche grazie alla presenza capillare dei presidi, in modo particolare delle Stazioni.

Ben 22.267 le persone tratte in arresto e/o denunciate all’Autorità Giudiziaria contro le 11.435 del 2015; 877 gli arresti di cui ben 630 in flagranza di reato, con un incremento del 15% rispetto al 2015. Altra nota positiva viene dall’esame dei furti che sono nel complesso in diminuzione, 4.927 contro le 5.455 dell’anno precedente, compresi quelli in abitazione passati da 866 a 702; in aumento quelli scoperti dall’Arma, 449 contro i 362 del 2015. Una delle tipologie di reati in diminuzione è costituita dalle rapine 86 sulle 110 del 2015 ed anche in questo caso sono in crescita quelle scoperte 29, tre in più dell’anno precedente.

Particolarmente proficuo è stato il contrasto al fenomeno del traffico e dello spaccio di sostanze stupefacenti. Nel complessivo sono stati sequestrati circa 105 chili di droghe varie con 276 persone segnalate alla Prefettura quali assuntori. Oltre 100 le armi ed oltre 1000 le munizioni sequestrate e/o rinvenute dai militari in tutto l’anno.

I militari dell’Arma sono stati inoltre impegnati nel tentativo di frenare le forme di violenza domestica. Nel particolare settore sono state 79 le persone arrestate e/o denunciate per maltrattamenti in famiglia e/o stalking.

Nel campo della sicurezza stradale l’impegno preventivo ha principalmente riguardato la guida di mezzi in stato di ebbrezza alcolica o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti nonché di motocicli senza casco. Sono state impiegate oltre 19.600 pattuglie (16 mila nel 2015) su tutte le strade del territorio con esclusione dell’autostrada. 124 gli incidenti rilevati, oltre 300 le sanzioni per il mancato utilizzo del casco, circa 65 per guida sotto l’effetto di alcol e/o droghe, oltre 200 le patenti ritirate, 350 le contravvenzioni per mancato utilizzo delle cinture di sicurezza e circa 400 per scorretto utilizzo del telefono cellulare. Elevate oltre 4900 contravvenzioni per un importo di circa 2,5 milioni di euro e sottoposti a sequestro e/o fermo amministrativo circa 1400 automezzi.

Grande attenzione è stata riposta da parte dei militari del Nucleo Ispettorato del Lavoro e dei Carabinieri della Provincia al fenomeno, drammatico e sommerso, del lavoro nero. In un anno sono stati individuati ben 103 lavoratori in nero, di 485 controllati, nei vari settori produttivi del territorio, 560.000,00 di euro l’importo delle sanzioni comminate, 30 le ditte sospese e 154 le persone deferite all’Autorità Giudiziaria.

Di rilievo le attività della Sezione Tutela Patrimonio Culturale di Siracusa che nel 2016 ha controllato 115 siti archeologici, 69 monumenti, 7 musei e 30 attività di antiquariato. Complessivamente 12 persone sono state denunciate all’A.G, di cui 2 per ricettazione, avendo tentato di vendere beni chiesastici e libri antichi, di provenienza illecita, su piattaforme online dedicate all’e-commerce e le altre a seguito dei sequestri preventivi emessi dall’A.G. relativamente al Castello Svevo di Augusta, all’area archeologica del Tempio di Demetra e dell’abitato ellenistico sita in Piazza della Vittoria di Siracusa e dell’edificio che ospitava, fino a qualche anno fa, il Liceo Classico “T. Gargallo” di Siracusa.

La Motovedetta “Maronese” di stanza in Augusta, che è stata impegnata anche nell’Operazione “Triton”, ha effettuato numerosi servizi di vigilanza delle coste, della tutela della pesca e connessi al fenomeno migratorio. In particolare sono state: 386 le imbarcazioni controllate, 5 le persone denunciate, 4 i sequestri, 7 le contravvenzioni amministrative e 3 quelle penali per un importo complessivo di oltre 12 mila euro. Ha altresì soccorso 107 persone e 4 imbarcazioni in difficoltà.

Il Nucleo Carabinieri Antisofisticazioni e Sanità, in Provincia, ha eseguito 385 ispezioni, denunciando all’A.G. 7 persone, mentre 117 sono quelle segnalate all’autorità amministrativa, comminando complessivamente sanzioni per 172 mila euro e sequestri per un valore commerciale di oltre 4 milioni di euro.

Particolarmente proficua si è dimostrata nuovamente la collaborazione con gli istituti scolatici del territorio in cui i Carabinieri hanno avviato incontri con gli studenti al fine di contribuire alla diffusione della cultura della legalità tra i più giovani: circolazione stradale, droga ed alcool, fenomeni quali la violenza di genere, il bullismo ed il cyber crime sono stati i principali argomenti trattati, lasciando sempre ai giovani uditori ampio margine per formulare domande su tematiche di interesse. Purtroppo, ancora molto presente il fenomeno della dispersione scolastica con l’individuazione di circa 200 casi in ambito provinciale.

Nel sociale l’Arma di Siracusa ha cercato di essere quanto più possibile presente sempre per la richiamata esigenza di prevenzione (e di “nuova prevenzione”), sensibilizzazione e vicinanza istituzionale alle comunità a cui trasmettere percezione di sicurezza e senso di legalità. Al riguardo, sono da sottolineare alcune delle campagne informative nate anche con la collaborazione con altri Enti sul territorio.

Nel corso di tali incontri è stata rimarcata l’importanza di un lavoro sinergico tra forze dell’ordine, amministrazioni locali e cittadini al fine di contribuire ad incrementare la sicurezza percepita sul territorio, migliorando la qualità della vita: fondamentale la collaborazione dei cittadini che, con le loro segnalazioni, sono utilissimi per orientare l’azione di contrasto delle forze dell’ordine.

Durante gli incontri è stato altresì distribuito ai presenti un decalogo stilato dal Comando Provinciale Carabinieri contenente consigli ed indicazioni di carattere generale sulla prevenzione delle principali forme di truffe nei confronti delle categorie più vulnerabili, sottolineando come poche e semplici accortezze possono fare la differenza. Il 2016, in sintesi, è stato un anno di grande impegno per i militari, incentrato sulla vicinanza al cittadino al fine di tentare di fornire celere risposta alle sue esigenze di sicurezza.

Sotto il profilo della prevenzione, un importante successo raggiunto nel corso dell’anno è stata l’istituzione, dall’1 luglio al 31 agosto, del posto fisso stagionale di Marzamemi, una novità fortemente voluta dall’Arma dei Carabinieri e dall’amministrazione comunale di Pachino al fine di incrementare la sicurezza in un borgo caratterizzato da una crescita esponenziale negli ultimi anni e da un sempre maggiore afflusso di turisti, con particolare riguardo alla stagione estiva. Il presidio, oltre ad un ufficio denunce, ha garantito la quotidiana presenza di pattuglie a piedi ed automontate, al fine di andare incontro alle particolari esigenze di residenti, commercianti e turisti, che ha dato positivi riscontri anche in termini operativi.

L’anno si è contraddistinto, anche, per numerose operazioni di Polizia Giudiziaria che sono state condotte dai reparti dell’Arma.

Al riguardo il Comandante Provinciale, Col. Luigi Grasso, dichiara: “l’anno che si avvia alla conclusione ha costituito un notevole impegno per tutti i Carabinieri del Comando Provinciale, un impegno su più ambiti, un impegno incentrato, soprattutto, sulla prevenzione. I risultati conseguiti sono di piena soddisfazione e ciò ci induce a continuare, con responsabilità ed umiltà, sulla strada intrapresa, convinti come siamo che la sicurezza del cittadino costituisca obiettivo primario del nostro quotidiano lavoro”.

“I delitti consumati – spiega il Comandante Provinciale – sono in diminuzione, effetto anche della nostra presenza sul territorio, mentre sono in deciso aumento quelli scoperti ed il numero di persone arrestate e denunciate all’A.G. bilancio, quindi, sicuramente positivo. Al riguardo, oltre al fondamentale impegno dei Carabinieri di ogni ordine e grado, è stato utile poter contare sul lavoro comune e condiviso con l’Autorità Giudiziaria, sempre pronta a sostenere il nostro lavoro, sul proficuo coordinamento con le altre Forze dell’ordine ed Istituzioni varie della Provincia, attraverso l’instancabile opera del Signor Prefetto, Dottor Armando Gradone, e sulla collaborazione con le Amministrazioni locali”.

“Ancora uno volta – conclude il Col. Grasso – sottolineo come lo stretto legame tra cittadino e Carabiniere sia risultato per noi indispensabile e, pertanto, non posso che ringraziare le Comunità tutte per la vicinanza dimostrata, garantendo loro la nostra totale ed incondizionata disponibilità”.

Siracusa, il 2016 dei Carabinieri in numeri: raddoppiate le denunce, diminuiti i furti e le rapine

© Riproduzione riservata
Share


Articoli correlati: