ULTIM'ORA

Siracusa. “I linguaggi dell’inchiesta”: domani un convegno all’Isisc a cornice dell’Ares Film & Media Festival


ISISC_seat_in_SiracusaNews Siracusa: Il linguaggio cinematografico dell’inchiesta messo a confronto con il linguaggio giornalistico, con quello giudiziario e con quello letterario per affrontare così il tema dal punto di vista del rapporto linguaggio-conoscenza. Questi gli obiettivi del convegno “I linguaggi dell’inchiesta” che si terrà sabato prossimo, 19 dicembre, alle 9.30, nella suggestiva sala conferenze dell’Istituto Superiore Internazionale di Scienze Criminali (Isisc).

Il seminario costituisce, insieme ad altre iniziative, la cornice culturale delle rassegne fuori concorso 2015 dell’Ares Film & Media Festival. La rassegna che ha ispirato il convegno organizzato dalla sezione siracusana dell’Associazione della Stampa e dall’Ordine degli Avvocati è quella dedicata a Gianfranco Rosi e ai suoi film-inchiesta. Il seminario che si avvarrà della partecipazione dell’Ordine dei Giornalisti di Sicilia (che ha riconosciuto la valenza formativa dell’iniziativa), del Collegio Siciliano di Filosofia e della Scuola Forense, sarà dedicato alla discussione sul metodo inchiesta sotto 4 aspetti:

  • inchiesta cinematografica (con il tributo al cinema di Francesco Rosi, recentemente scomparso);
  • inchiesta giornalistica;
  • inchiesta letteraria (con una riflessione su l’opera di Leonardo Sciascia);
  • inchiesta giudiziaria.

I relatori che arricchiranno la discussione sono Riccardo Arena, presidente dell’Ordine dei Giornalisti di Sicilia, cronista del Giornale di Sicilia e scrittore (“Anche oggi non mi ha sparato nessuno” Edizioni Leima, il suo ultimo romanzo); Elio Cappuccio, presidente Collegio Siciliano di Filosofia, docente di filosofia moderna e contemporanea presso l’ Istituto Superiore di Scienze religiose “S. Metodio”; Luca Raimondi, scrittore e critico cinematografico; Fabio Scavone, procuratore Aggiunto della Repubblica; Santi Terranova, avvocato e scrittore (“Filivespiri, un anno con l’avvocato Valenti”, il suo ultimo libro di racconti edito da Melino Nerella).

Previsti anche gli interventi programmati di Sebi Grimaldi, Direttore della Scuola Forense Avvocati di Siracusa e Loredana Faraci, docente di Storia dello Spettacolo all’Accademia di Belle Arti di Roma che parlerà dell’inchiesta nella tragedia greca al Teatro di Siracusa.

Il seminario di sabato sarà dunque l’articolato prologo alle proiezioni dei film di Francesco Rosi. L’opera cinematografica di Rosi ci porterà direttamente a parlare di Leonardo Sciascia; ricordiamo “Cadaveri eccellenti” un film del 1976 diretto da Francesco Rosi, tratto dal romanzo ‘Il contesto’ dello scrittore di Racalmuto, presentato fuori concorso al 29º Festival di Cannes.

I film di Rosi che saranno proiettati nel corso dell’Ares Film & Media Festival in programma dal 22 al 30 dicembre 2015 sono

‘Salvatore Giuliano'(1962)

Il film è un’inchiesta sui fatti che hanno condotto alla morte del bandito siciliano Salvatore Giuliano, rinvenuto a Castelvetrano la mattina del 5 luglio 1950. Presentato in concorso al Festival di Berlino 1962, vinse l’Orso d’argento per il miglior regista nonché tre Nastri d’argento. Il film è stato selezionato tra i 100 film italiani da salvare.

‘Le mani sulla città’ (1963)

Le mani sulla città è un film di impegno civile, è una spietata denuncia della corruzione e della speculazione edilizia dell’Italia degli anni sessanta. La pellicola fu premiata con il Leone d’Oro al Festival di Venezia.

Nel 2005, per il film ‘Le mani sulla città’, gli valse la laurea ad honorem in “Pianificazione territoriale urbanistica ed ambientale” presso l’università Mediterranea di Reggio Calabria. Come ha ricordato recentemente Roberto Saviano “La carica rivoluzionaria del film di Rosi è immutata e l’attualità del suo racconto è drammatica. Mentre vedi determinate sequenze pensi che tutto questo sta accadendo ora, in ogni parte del nostro Paese”.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: