ULTIM'ORA

Siracusa, è allarme dispersione scolastica: denunciati 500 genitori dai Carabinieri


News Siracusa: il mondo della scuola è sempre stato per l’Arma dei Carabinieri della Provincia di Siracusa uno degli ambiti dove sono state avviate molte iniziative con lo scopo di avvicinare gli studenti alle tematiche della legalità e alle Istituzioni nella consapevolezza di come sia sempre più necessario formare le coscienze dei più giovani per combattere le manifestazioni di esclusione sociale e quei comportamenti che nel tempo si manifestano in condotte di mancato rispetto delle regole e che, nei casi più estremi, continuano ad alimentare i fenomeni di illegalità presenti sul territorio. Non di meno, la dispersione scolastica, fenomeno che si manifesta uno dei più sintomatici presenti sul territorio della Provincia.  

È quanto emerge da un’attività di verifica condotta dai Carabinieri delle Stazioni, in stretta sinergia con gli Istituti scolatici dove i militari dell’Arma si recano periodicamente per avere un contatto con i dirigenti, i docenti ed i collaboratori scolastici scambiando notizie sulle problematiche di interesse che possono riguardare la popolazione studentesca.

Nel corso di questi incontri, i Carabinieri hanno appurato che numerosi bambini erano soliti assentarsi dalle lezioni per lunghi periodi, senza che i genitori e/o gli esercenti la potestà genitoriale fornissero plausibili risposte alle richieste di giustificazioni avanzate loro periodicamente da insegnanti e dirigenti scolastici. Sono stati pertanto avviati accurati accertamenti al fine di verificare le reali motivazioni alla base delle assenze ingiustificate di un così elevato numero di bambini: individuati con esattezza gli assenti “cronici” con riferimento all’anno scolastico 2016/2017, i Carabinieri hanno contattato i servizi sociali dei Comuni interessati al fine di appurare situazioni di reale impedimento nonché per dare inizio a concrete azioni di recupero in favore di tali giovani. Al termine di tali verifiche sono quasi 500 persone da segnalare all’Autorità Giudiziaria ritenute responsabili dell’ipotesi di reato prevista dall’articolo 731 del Codice Penale, ovvero l’inosservanza dell’obbligo dell’istruzione elementare dei minori. Si tratta, per lo più, di ragazzi di età compresa tra gli 8 ed i 12 anni e di sesso maschile.

Al riguardo il Comandante Provinciale, Col. Luigi Grasso, dichiara:L’Arma dei Carabinieri è ed intende rimanere vicina al mondo della scuola e dei giovani, collaborando ad ogni iniziativa in tema di legalità e di impegno sociale. Si tratta di ragazzi, per lo più di età compresa tra gli 8 ed i 12 anni e in maggioranza di sesso maschile. La dispersione scolastica va combattuta in modo convinto, il fenomeno costituisce una piaga dalle conseguenze oltremodo negative sulla sana crescita dei ragazzi e sull’equilibrio della società.

In questo ambito il Comando Provinciale dei Carabinieri di Siracusa, da tempo ormai è presente con propri rappresentanti nelle scuole dove vengono tenute conferenze per sensibilizzare, anche i ragazzi in età scolare meno avanzata, al contrasto del bullismo e cyberbullismo, ma anche a non cadere nei fenomeni più degradanti quali il gioco d’azzardo patologico e, ovviamente, l’uso degli stupefacenti. Con lo stesso spirito sono state organizzate iniziative di collaborazione tra istituti scolastici e Arma dei Carabinieri nel settore dell’educazione stradale, prima fra tutte il concorso “Il casco vale una vita” in cui ogni anno, con l’aiuto di sponsor offerti da importanti aziende del settore energetico con sede in provincia, vengono premiati numerosi studenti che si cimentano in iniziative finalizzate alla sensibilizzazione al corretto comportamento, a norma del Codice della Strada, nell’utilizzo dei ciclomotori e motocicli.

I Carabinieri continueranno a vigilare con la massima attenzione sul fenomeno della dispersione scolastica, ponendo periodicamente in essere analoghe verifiche al fine di contrastarne la diffusione e prevenirne le gravi conseguenze a livello sociale.

© Riproduzione riservata
Share


Articoli correlati: