ULTIM'ORA

Siracusa, il gruppo scout “la Tartaruga” alla Giornata Mondiale della Gioventù: “Cracovia noi ci siamo!”


News Siracusa: tanti giovani da ogni parte del mondo, ha ricordato il Papa all’Angelus, in questi giorni stanno andando a Cracovia per la 31esima Giornata mondiale della gioventù (Gmg). Anche lui partirà, mercoledì prossimo, per “celebrare con loro e per loro il giubileo della misericordia, con l’intercessione di Giovanni Paolo II”. E intato a Cracovia ci sono anche loro, i giovani siracusani del clan la tartaruga. Sono riusciti a volare alla Giornata Mondiale della Gioventù, il gruppo scout formato da 15 ragazzi tra i 16 e i 19 anni che è riuscito a conquistare, giorno dopo giorno, il loro sogno nel cassetto (LEGGI QUI).

E non potevano mancare i video saluti da “Casa Italia” nel centro di Cracovia, situato all’ombra dei torrioni del castello del Wavel, dove i nostri giovani possono ritrovarsi, ristorarsi e fare festa, sotto la bandiera tricolore donata dal presidente Sergio Mattarella.

“Un sogno lungo un anno, un sogno distante e carico di sacrifici e di rinunce, di gioie, di traguardi, di sconfitte, di demoralizzazioni ma di risalite, ed eccoci qui: a Cracovia”. Raccontano il gruppo nel loro primo giorno in terra straniera.

“State attenti “, e tu con la tua calma apparente ti accorgi di come uscire di casa , uscire da quel tuo piccolo micro mondo sia necessario, ma soprattutto sia necessario farlo con loro: i ragazzi – racconta Giulia Intagliata, capo scout –  Stamattina le nuvole nel cielo erano talmente tanto bianche e il cielo così azzurro che rispecchiavano forse lo stato d’animo di questa grande emozione. Ancora una volta il richiamo della strada chiama, abbiamo preparato lo zaino mettendo dentro l’essenziale.

“Adesso si va a dormire, dopo essere stati accolti da una meravigliosa persona che ci ospita a casa sua, con la consapevolezza, che nonostante tutte le pecche, siamo qui, a vivere la strada, a scambiare sorrisi e sguardi con due milioni di persone e a dire che noi, si, ci siamo!”.

Sono in tutto 44 i giovani della Diocesi aretusea che celebreranno insieme a papa Francesco la Giornata Mondiale della Gioventù e che hanno ricevuto, presso la parrocchia Maria Santissima Madre di Dio, il “mandato” dall’arcivescovo, monsignor Salvatore Pappalardo che ha consegnato loro  il kit italiano ed ha benedetto il cero della GMG che è stato consegnato al Monastero delle Carmelitane di Canicattini Bagni.

Da Cracovia, oltre il saluto dei giovani scout, arriva anche quello di don Santo Fortunato, direttore dell’ufficio diocesano per la pastorale giovanile: “Siamo a Casa Italia… Cracovia invasa di giovani gioiosi ed innamorati di Gesù…”

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: