ULTIM'ORA

Siracusa. “Raid” per il trafugamento di cavi in rame all’Arenella, intervengono i Carabinieri: due arresti


News. I Carabinieri di Cassibile, al fine di frenare il fenomeno dei furti di cavi di rame che, oltre ad insidiare l’economia del territorio creando anche problemi per l’ordine e la sicurezza pubblica a causa della privazione della fornitura di energia elettrica, provoca pesanti ripercussioni sulle normali condizioni di vita dei cittadini, hanno intrapreso una specifica e dedicata attività di controllo del territorio anche monitorando i movimenti di personaggi solitamente dediti, per i loro trascorsi giudiziari, a tali azioni delittuose.

In particolare, l’attività, condotta a carico di R.G. agrigentino classe 1999, nullafacente ed incensurato e C. G. ragusano classe 1998, nullafacente, pregiudicato e con precedenti specifici, entrambi residenti a Priolo Gargallo, portava i militari in contrada Arenella, ove era previsto un “raid” per il trafugamento di cavi in rame della “Telecom”. Le informazioni acquisite dagli operanti si dimostravano subito fondate allorquando, alle prime ore di questa notte, veniva notata parcheggiata in alcuni anfratti di quella contrada, una autovettura: una Lancia Ypsilon, carica di cavi di rame. Poco distante dal luogo in cui si trovava il mezzo, i due soggetti,  stavano operando e caricando gli ultimi cavi. Sorpresi i malviventi nella flagranza, anche al fine di interrompere l’azione delittuosa, i militari intervenivano riuscendo a bloccarli.

Nel corso dell’operazione venivano rinvenuti, in gran parte già stipati all’interno dei bagagliai delle autovetture, alcune centinaia di chili di cavi in rame, mentre i predetti, venivano dichiarati in stato di arresto e sottoposti agli arresti domiciliari presso le rispettive abitazione, a disposizione dell’A.G. opportunamente informata.

La società telefonica, subito avvisata dal Comando Provinciale Carabinieri, ha assicurato di ripristinare le linee nel giro di qualche ora, al fine di limitare al minimo il disagio per gli utenti.

© Riproduzione riservata
Share


Articoli correlati: