ULTIM'ORA

Siracusa, Fratelli d’Italia: “la viabilità della città è al collasso”


cambio viabilità siracusa times

News Siracusa: “Ci troviamo dinanzi al paradosso. Una presuntuosa campagna mediatica portata avanti dal Sindaco che vorrebbe far credere che Siracusa sia una città smart che ha come risultato una assoluta, incontestabile e oggettiva situazione da terzo mondo”: esordisce così il portavoce provinciale di Fratelli d’Italia An, Alessandro Spadaro.

“La viabilità della città è al collasso. Gli automobilisti restano imprigionati nelle loro auto in ingorghi che, a memoria d’uomo, nella nostra città – dichiara Spadaro – non si sono mai verificati se non per eventi eccezionali. Il Sindaco è il responsabile di questa situazione per le scelte incomprensibili messe in atto dalla sua amministrazione e sta mettendo a rischio l’intera popolazione non occupandosi del problema. Il rischio nasce dal fatto che nessun piano di evacuazione, in caso di calamità naturali o eventi che lo richiedano, potrà, in queste condizioni mai essere applicato. È impossibile pensare anche ad eventuali mezzi di soccorso che possano intervenire in una situazione che si tramuterebbe in brevissimo tempo in panico collettivo. Quando si vorrà intervenire? Solo dopo qualche tragedia che si sarebbe potuta evitare?”.

“Da non sottovalutare, inoltre, l’impatto di queste lunghe code e ingorghi sull’inquinamento atmosferico prodotto dagli scarichi dei mezzi. Se le centraline di rilevamento delle pm10 fossero funzionanti – prosegue – sarebbero ampiamente certificati i superamenti dei limiti tali da obbligare l’amministrazione a bloccare il traffico. Non serve la centralina per capire che l’aria è irrespirabile, basta aprire il finestrino dell’auto o fare una passeggiata a piedi”.

“Vista l’incapacità di questa amministrazione comunale a risolvere un problema che mette a rischio la popolazione – conclude Spadaro – chiediamo l’intervento del Prefetto affinchè prenda le redini di questa situazione mettendo in essere tutte le azioni che riterrà più opportune a tutela della collettività”.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: