ULTIM'ORA

Siracusa-Floridia: è ancora blackout. Vinciullo “l’Anas intervenga o protesteremo contro il suo oggettivo fallimento nella provincia di Siracusa”


vinciullo siracusa timesNews Siracusa: “Da mesi – spiega l’On. Vincenzo Vinciullo, Presidente f.f. della Commissione ‘Bilancio e Programmazione’ all’ARS – con costanza, seguo la vicenda kafkiana e paradossale della mancata illuminazione della Siracusa – Floridia. Inizialmente, ogni responsabilità è stata caricata sul Comune di Floridia che, nell’eseguire i lavori, aveva oggettivamente danneggiato quelli dell’ANAS senza ripararli e, stando a quanto ci è stato riferito, senza nemmeno far sapere dei danni che aveva procurato”

“Successivamente – continua l’On. Vinciullo – ci è stato spiegato che la ditta non aveva eseguito un bypass, o comunque un lavoretto di poco conto, cosa che è stata ampiamente superata, dopodiché si è detto che l’Enel non era pronta, cosa che poi si è rivelata non vera, in quanto l’Enel, ancora una volta, ha dimostrato di essere pronta a rispondere alle sollecitazioni del territorio e, anzi, si è fatta parte attiva e risolutrice dei problemi altrui”.

“Da mesi – prosegue l’Onorevole – attendiamo che la società che gestisce per l’ANAS la rete elettrica fornisca un codice di accesso all’Enel, per poter l’Enel attivare la fornitura montando i contatori. Ma può l’ANAS accettare che un suo fornitore, per mesi, non gli fornisca un codice? Può l’ANAS mettere a rischio la vita di centinaia di cittadini, solo perché un suo fornitore pensa di ostacolare l’attività istituzionale a cui l’ANAS è chiamata dallo Stato e quindi dai cittadini?Fino a quando saremo costretti a subire questi ritardi ingiustificati e inspiegabili?”.

“Per l’ultima volta – conclude Vinciullo – invitiamo l’ANAS a volere fornire una prova della propria esistenza, diffidando chi di competenza a fornire quanto dovuto, altrimenti, dalla prossima settimana, penseremo ad attuare azioni di protesta contro l’ANAS, che negli ultimi anni in provincia di Siracusa ha oggettivamente fallito la sua missione”.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: