ULTIM'ORA

Siracusa. Finanziamenti per la tutela del patrimonio culturale siciliano, pubblicati i bandi


Siracusa.  Pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana n.55 del 15 dicembre 2017,  i bandi per il finanziamento dei progetti relativi agli  interventi per la tutela, la valorizzazione e la messa in rete del patrimonio culturale, materiale e immateriale, nelle aree di attrazione  e di rilevanza strategica. A comunicarlo è lo stesso professore Vincenzo Vinciullo.

L’obiettivo è quello di consolidare e promuovere processi di sviluppo per il finanziamento dell’Azione 6.7.2  e fornire altresì sostegno alla diffusione della conoscenza e alla fruizione del patrimonio culturale, materiale e immateriale, attraverso la creazione di servizi e sistemi innovativi grazie all’utilizzo di tecnologie avanzate.

Nell’agosto del 2015,  la Commissione della Comunità Europea ha approvato la partecipazione del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale al cofinanziamento del Programma Operativo della Regione Siciliana PO FESR 2014/2020.

Successivamente, con Delibera di Giunta, è stata approvata la Programmazione 2014/2020 nella priorità di intervento, linee strategiche e indirizzo politico.

La Delibera di Giunta di Governo regionale del 20 marzo 2015 ha previsto, inoltre, l’ individuazione di specifici attrattori, che non fossero necessariamente del patrimonio regionale ma di Enti statali, locali, ecclesiastici e fondazioni collegate ai contesti territoriali di riferimento dei Siti Unesco.

Con il Decreto del Direttore Generale, relativo al 30 giugno scorso,  è stato approvato l’elenco dei luoghi della cultura di proprietà dello Stato, degli Enti locali, ecclesiastici e delle fondazioni che potranno essere oggetto di progetti di valorizzazione da finanziare tramite la partecipazione a operazioni di regia sulle risorse PO FESR 2014/2020 – Linee di azioni 6.7.1 e 6.7.2

Con la Delibera del maggio scorso sono state anche impegnate le somme complessive pari a  4.206.447,40 euro

«Adesso, finalmente è stato pubblicato il bando –ha dichiarato il Prof. Vinciullo – in maniera tale che tutti gli aventi diritto possano partecipare e ottenere il giusto riconoscimento di un’azione politica -amministrativa e di grande respiro e il cui merito, oltre alla Commissione Bilancio e al Governo, va al Direttore Generale, dott. Gaetano Pennino, che tanto si è speso, negli anni, per il conseguimento di questo risultato sicuramente importante perché porterà risorse e, insieme alle risorse, porterà lavoro».

© Riproduzione riservata
Share


Articoli correlati: