ULTIM'ORA

Siracusa, Fillea-CGIL, Carnevale: “continueremo a rimanere accanto ai lavoratori”


Salvo Carnevale Siracusa TimesNews Siracusa: I lavoratori del Gruppo Salonia , in sciopero dal 21 Settembre, hanno deciso di continuare  l’azione alzando il livello della protesta,da semplice fermo a presidio dei due ingressi di Contrada Mostringiano.

Assistiamo esterrefatti da diversi giorni ad una totale indifferenza della proprietà che invece di cercare soluzioni condivise, con il sindacato, per stemperare i toni , ha continuato ad ignorare come fossero invisibili i propri dipendenti. A questo va aggiunto lo stile quasi irridente di questi giorni mentre i lavoratori scioperavano ,continuava infatti ad esserci un tranquillo viavai di mezzi esterni  che caricavano il materiale. Adesso basta!

Le motivazioni sono le stesse del mese precedente e non sorprende piu’ la regolarità… nei ritardi sugli stipendi. I lavoratori vantano il saldo salariale e irpef di Luglio 2015 ed il mese di Agosto 2015,mentre sta per maturare anche il mese di Settembre. Per alcuni operai ci sono altri crediti prodotti dal precedente contratto edile e per i licenziati dei mesi scorsi vi sono anche i tfr.

La Fillea-CGIL di Siracusa continuera’ a rimanere accanto ai lavoratori . Questo atteggiamento esasperante per i lavoratori non può essere accettato per ovvi motivi : le bollette e i debiti non aspettano i comodi delle imprese sui pagamenti.

Abbiamo inoltre scritto anche al Prefetto, per chiedergli di intervenire in questa situazione ormai insostenibile ed estenuante.

I contratti si rispettano e i dipendenti della li.sa costruzioni ritengono ormai insostenibile questo modo di trattare i lavoratori. Si tenga presente che ormai da quasi 3 anni i lavoratori convivono con questa precarietà che ha certamente incrinato i rapporti ed ha abbassato la pazienza nelle attese contrattuali.

L’auspicio è certamente quello di  ritornare a discutere pacatamente ! Noi , nonostante le infamanti, ma ridicole invettive dell’impresa siam ancora disponibili a suggerire  soluzioni per superare lo stallo.

Non  accettiamo pero’ di essere apostrofati con epiteti irriferibili  che sono irrispettosi del pieno diritto dei lavoratori a ricevere con regolarità lo stipendio. Il rischio è principalmente dell’impresa che si carica una responsabilità anche sociale nei confronti delle proprie maestranze nei momenti più complicati , ma  carica anche i profitti nei momenti ordinari!

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: